Si parla di economia gentile Incontro col cardinale Zuppi

CENTO. Dal 19 al 21 novembre scorsi si è tenuto un evento che farà ancora molto parlare di sé: Papa Francesco ha invitato 2.000 giovani (under 35) provenienti da tutto il mondo, tra economisti, imprenditori, studenti, changemakers e operatori del settore sociale con l’intento di avviare, assieme a un gruppo qualificato di esperti, un processo di cambiamento globale affinché l’economia di oggi e di domani sia più giusta, fraterna, inclusiva e sostenibile.

Fra gli esperti che hanno preso parte ai lavori, c’è anche Stefano Zamagni, docente di economia all’Università di Bologna, presidente della Pontificia Accademia delle Scienze sociali e membro del Comitato scientifico del Festival Francescano.


Sarà lo stesso Zamagni, assieme all’arcivescovo di Bologna, il cardinale Matteo Maria Zuppi, a riferire sui risvolti concreti di questa nuova idea di economia basata sulla cultura della cura, della creazione di vero valore e della fraternità universale, domenica prossima alle 16 in diretta streaming sul canale Youtube, per gli iscritti.

L’incontro è organizzato da Festival Francescano, in collaborazione con il Movimento ecclesiale di impegno culturale (Meic) e con il sostegno di Bper Banca. A introdurre la riflessione saranno fra Dino Dozzi, direttore scientifico di Festival Francescano, e Lorenzo Maiardi, presidente di Meic Bologna.

«Evidenzieremo alcune delle tante rilevanti implicazioni derivanti dal caloroso e paterno invito di Papa Francesco ad andare avanti verso un diverso tipo di economia, inclusiva e non esclusiva, umana e non disumanizzante, che si prende cura dell’ambiente e non lo depreda – afferma il professor Zamagni –. Siamo ben consapevoli delle sfide esistenziali dei nostri tempi e sappiamo che non ci sono risposte facili. Ma sappiamo anche che il senso di possibilità dipende non solo dalle opportunità e dalle risorse, ma anche dalla speranza. Ciò che significa speranza oggi è proprio questo: non considerarsi né come mero risultato di processi fuori dal nostro controllo né come realtà autosufficienti che non hanno bisogno di abbracciare lo spirito di fraternità».

Per iscriversi, è necessario compilare, entro oggi, il modulo presente sul sito internet www.festivalfrancescano. it/webinar. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA