L'Osteria del Dosso apre per protesta: sanzionati titolare e 25 avventori

Il locale è stato chiuso per 5 giorni, ma si attendono le decisioni della prefettura

DOSSO. Ieri sera, 15 gennaio, verso le 20.30, i carabinieri della compagnia di Cento, nell’ambito di controlli sul territorio volti alla verifica del rispetto delle normative di contenimento covid19, procedevano al controllo del ristorante “Osteria del Dosso”, in via Verdi. Il titolare del ristorante aveva inteso aderire alla protesta, pubblicizzata sui social #IOAPRO1501, aprendo il proprio esercizio alla clientela, per servire la cena, in violazione delle vigenti restrizioni normative.

L’adesione all’iniziativa di protesta del ristoratore, già nota alla locale compagnia carabinieri, era stata evidenziata anche dal personale della Digos della questura di Ferrara. Per cui alle 20.30 le pattuglie dell’Arma procedevano all'identificazione di tutti gli avventori, ben 25 persone, e del titolare del ristorante, ai quali è stata contestata la violazione amministrativa e che riceveranno nei prossimi giorni i relativi verbali.

Altri avventori, giunti nei pressi del locale durante il controllo, hanno preferito allontanarsi immediatamente, mentre altri hanno accettato la consegna della cena da asporto. Al ristorante è stata imposta la chiusura provvisoria per 5 giorni, in attesa di disposizioni da parte dell’autorità prefettizia.