Inferno in A13, due morti e 13 feriti: dieci incidenti, chiusa l’autostrada (e ora riaperta)

Gelo e nebbia tra le cause degli scontri che hanno coinvolto 27 mezzi. Bloccato il transito da Rovigo Sud a Bologna. La riapertura solo stamattina alle 6.30

Pontelagoscuro, schianto in A13: feriti e auto distrutte

FERRARA. Due morti, tredici feriti con 27 mezzi coinvolti in dieci incidenti verificatisi nello spazio di due ore e mezza a poca distanza l’uno dall’altro.

L’A13 ieri ha vissuto una giornata luttuosa e infernale, battendo anche il triste ricordo di nove incidenti che si era verificato nel dicembre 2018.

Tutto è cominciato poco dopo le 10.30 sulla corsia sud nei pressi del chilometro 27, a poche centinaia di metri dal ponte sul fiume Reno. Un mezzo pesante condotto da un camionista di Bellona (Caserta), Gaetano Graziano di 53 anni, è andato a scontrarsi contro un autotreno. L’impatto nel tamponamento ha provocato la morte sul colpo dell’uomo. L’altro incidente stradale mortale è avvenuto poco dopo, sempre in direzione Bologna, al chilometro 28 dove il conducente di una vettura Citroen, Angelo Morina, 44 anni, di Cosenza si è scontrato contro un grosso camion. Anche in questo caso sono stati purtroppo inutili i tentativi di soccorrerlo.

Gelo e nebbia

Si è rischiato di perdere il conto ieri mattina quando una ripetuta serie di sinistri si è verificata fino alle ore 13. Alla fine, nel complesso, gli scontri sono stati dieci, compresi i due che si sono verificato nel territorio bolognese direzione nord.

Tra le cause di così tanti incidenti ieri mattina ci sono soprattutto la nebbia e il gelo. Oltre alla visibilità ridotta a pochi metri che consigliava una velocità particolarmente limitata, c’era anche l’asfalto reso insidioso dal ghiaccio che poteva tradire in caso di brusca frenata. La serie di tamponamenti si è verificata tra il chilometro 27 e 36 in direzione sud. La situazione è diventata ingestibile ed è stato chiusa in un primo tempo l’autostrada a Ferrara Sud. Successivamente si è verificato un altro incidente stradale in prossimità del chilometro 43 vicino a Ferrara Nord con altri mezzi coinvolti e il ribaltamento di un’autovettura. Il tutto poco dopo le ore 13.

A quel punto è stato deciso di chiudere l’autostrada in entrambe le direzioni da Villamarzana (Rovigo Sud) fino a Bologna. Provvedimento necessario per evitare che le altre auto andassero a infilarsi nell’imbuto degli incidenti e anche perché occorreva rimuovere i 27 mezzi coinvolti, far defluire il traffico rimasto in A13 e bisognava anche ripulire un lungo tratto di autostrada da rottami e olio lasciati sull’asfalto a rendere pericoloso il transito.

Polizia e pompieri

È stata una giornata impegnativa per la polizia autostradale che ha dovuto rilevare gli incidenti e al tempo stesso far defluire il traffico. Anche i vigili del fuoco hanno fatto interventi straordinari alternandosi con le squadre. Una giornata davvero tragica.

La riapertura

L'autostrada è stata completamente riaperta alla circolazione soltanto alle 6.30 di stamattina, mercoledì 20 gennaio. Il protrarsi della chiusura, unito alla mattinata di pioggia, ha però mandato in tilt il traffico in città a Ferrara:le ripercussioni sulla viabilità ordinaria si potevano notare anche un'ora dopo che l'A13 era stata riaperta. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA