Bondeno: c'è tempo fino al 29 gennaio per chiedere i buoni spesa

Contributi Covid, finora arrivate 156 domande. L’assessore ai servizi sociali Francesca Piacentini: «Diamo la massima diffusione possibile. Cerchiamo di arrivare anche a chi finora non ha avuto notizia dei contributi»

BONDENO. Resta ancora poco più di una settimana per presentare al Comune di Bondeno la richiesta per i buoni spesa legati all’emergenza sanitaria: fino a mezzogiorno del 29 gennaio. Il contributo erogato sarà compreso tra i 125 e i 500 euro in relazione ai componenti del nucleo famigliare. Fino ad ora, sono pervenute 156 domande, a testimonianza della necessità di questo strumento. I buoni sono strettamente legati alla situazione pandemica, ciò significa che tra i principali requisiti per l’ottenimento risultano la perdita o la riduzione di lavoro, oppure il regime di cassa integrazione dovuti al Coronavirus.

I contributi saranno disponibili mediante una tessera magnetica ricaricabile, e potranno essere utilizzati esclusivamente per acquisti di generi alimentari e prodotti di prima necessità. In particolare, i buoni saranno utilizzabili presso i supermercati, i negozi alimentari, le farmacie e le parafarmacie. «Esorto chiunque ne avesse necessità a presentare domanda – commenta l’assessore ai Servizi Sociali, Francesca Piacentini -. In particolare, mi rivolgo a tutti coloro che hanno visto sensibilmente ridursi le proprie entrate, come gli esercenti locali che hanno dovuto tenere le serrande abbassate per troppo tempo. L’Ente sta cercando di dare la massima diffusione possibile a questa comunicazione, e devo dire che finora abbiamo raggiunto molte persone. La situazione pandemica ha comportato e sta tuttora comportando difficoltà e sofferenze per molti di noi; come Amministrazione, cerchiamo il più possibile di essere vicini a chi ne ha più bisogno».

Nella precedente tornata di erogazione dei buoni, il Comune ha registrato due casi di gravi scorrettezze che sono stati denunciati penalmente. Gli acquisti effettuati con i buoni spesa, infatti, saranno monitorabili mediante un sistema telematico, e le eventuali scorrettezze saranno immediatamente verificabili. «Le verifiche vengono in supporto di chi ha realmente bisogno dei contributi, andando a scoraggiare le persone che vorrebbero comportarsi da “furbette”», conclude Piacentini. Le domande devono essere inviate via mail all’indirizzo: protocollo@comune.bondeno.fe.it. Esiste poi un numero dedicato da contattare per avere tutte le informazioni necessarie e per essere guidati nella compilazione della domanda: 339 831 4314.