Bondeno rilancia contro le nutrie

BONDENO. Via libera ai coadiutori per contenere nel Bondenese la proliferazione delle nutrie. Con una nuova ordinanza del sindaco Simone Saletti le operazioni di cattura e abbattimento potranno essere effettuate anche nei cortili e vicino alle case, tenendo conto che con le loro tane negli argini le nutrie costituiscono un pericolo per la sicurezza idraulica del territorio.

La nutria costituisce una delle piaghe più evidenti del nostro territorio, rappresentando una grave minaccia per numerose specie animali ed essendo stata riconosciuta dalla giunta regionale come «un grave fattore di minaccia per la biodiversità». Preso atto che la nutria non è un animale autoctono, che costruisce le proprie tane scavando sotto gli argini, e considerando il fatto che spesso – per la conformazione del territorio matildeo – le abitazioni sono costruite ai margini dei fiumi e dei canali, il sindaco di Bondeno ha emesso un’ordinanza che autorizza le squadre di coadiutori regolarmente autorizzate a svolgere le operazioni di cattura nelle coorti coloniche e nelle immediate vicinanze delle abitazioni.


Non solo, l’ordinanza, valida fino al 30 luglio, dispone anche le attività di contenimento della nutria in prossimità degli argini e nelle adiacenze delle strade, facendo assumere alle operazioni le indispensabili caratteristiche di capillarità e di continuità.

«Una disposizione doverosa e necessaria – commenta il sindaco Saletti -. Troppo spesso, in passato, l’attività di cattura delle nutrie è stata discontinua o inefficiente. Adesso, anche tenendo conto delle innumerevoli segnalazioni provenienti dai cittadini, dare atto e continuità alle operazioni di contenimento è un dovere improcrastinabile. Questi animali costituiscono una minaccia sia per la biodiversità e per l’ecosistema naturale autoctono, sia per gli agricoltori. In più, la nutria rappresenta un pericolo per la sicurezza stradale, essendo la causa di alcuni incidenti che possono anche arrivare a minare l’incolumità delle persone». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA