Ferrara, dodicenne picchiato da papà e nonno

Oltre al ragazzino, altri casi di maltrattamenti e stalking nei confronti di donne: il venerdì nero di violenze interrotto dai carabinieri

FERRARA. Ventiquattr'ore d'insopportabili violenze, di percosse, minacce, vessazioni nei confronti di donne, ma anche di un ragazzino di soli 12 anni.

E' stato un venerdì nero quello del 22 gennaio appena trascorso, per le fasce deboli: nell’arco di 24 ore i carabinieri della compagnia di Ferrara hanno indagato su tre fatti, verificatisi in città, per i quali sono state denunciate in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica 4 persone e inoltrate segnalazioni al tribunale per i minorenni di Bologna.

Tutto inizia a tarda serata di giovedì 21, quando i militari della stazione di Ferrara capoluogo, a seguito della denuncia querela di una donna residente in città, deferivano in stato di libertà B.F., 34enne ferrarese, responsabile di prolungati maltrattamenti, minacce e percosse ai danni della madre, pensionata 65enne e della 43enne sorella convivente. Le due donne, nella notte di venerdì sono state sentite dai carabinieri e hanno confermato gli atteggiamenti vessatori e prolungati nel tempo da parte del famigliare, il quale ora dovrà fornire ragione al pubblico ministero del suo comportamento.

Poche ore dopo, nella mattinata di venerdì 22, è toccato al personale della stazione di Ferrara corso Giovecca procedere nei confronti di uno stalker, responsabile di aver reso un incubo la vita della sua ex compagna. La donna, una 41enne ferrarese, dopo aver posto fine alla relazione sentimentale con l’uomo, agli inizi dello scorso anno, si è vista molestare, minacciare e pedinare dallo stesso.  Dopo aver inutilmente modificato le proprie abitudini di vita e tentato in ogni modo di evitare l’ex fidanzato, la donna, nutrendo fondato timore per la propria incolumità, si è determinata a presentare denuncia querela nei confronti di F.L., 68enne toscano, il quale ora dovrà render conto del suo comportamento all’autorità giudiziaria estense, a cui i carabinieri lo hanno deferito.

Nel pomeriggio di ieri, sosempre i carabinieri della stazione di Ferrara corso Giovecca hanno deferito in stato di libertà padre e figlio, entrambi ferraresi, T.M., pensionato 70enne e T.F., impiegato 41enne, resisi responsabili di maltrattamenti in famiglia, in quanto i predetti, in qualità rispettivamente di nonno e genitore, minacciavano e percuotevano il minore discendente. I due congiunti ora dovranno rispondere delle loro azioni avanti sia al tribunale di Ferrara, sia a quello minorile di Bologna, che si pronuncerà anche sull’affidamento del 12enne.

L’Arma dei carabinieri, anche a Ferrara, dispone di personale specializzato e locali idonei al ricevimento e trattazione di problematiche connesse ai reati in danno di categorie protette e fasce deboli, cui i cittadini possono tranquillamente rivolgersi ottenendo tutta l’assistenza necessaria.