Sono già 150 le richieste per l’edizione 2021 del Buskers Festival

Più forti del covid e anche quest’anno pronti a preparare un’altra manifestazione per proiettare ancora fari internazionali su Ferrara.

Il Busker Festival, edizione 2021, anche quest’anno deve affrontare le innumerevoli limitazioni con i conseguenti disagi derivati dalla pandemia.


Al momento è stato confermato il programma che vede le esibizioni dal 25 al 29 agosto sempre in una cornice che si prospetta limitata.

«Le date - spiega il direttore artistico e ideatore del Buskers Festival, Stefano Bottoni - sono già state concordate, ora in accordo con l’amministrazione comunale dovranno essere scelte anche le location, anche se quelle dello scorso anno si dimostrate vincenti. Abbiamo avuto lettere di ringraziamento da parte di tante persone per il fatto che anche nel 2020 siamo state una delle poche manifestazione che è riuscita a portare a termine un festival musicale articolato in più giorni. Al momento abbiamo avuto circa 150 domande di partecipazione, soprattutto dall’estero e stiamo cercando di vedere in questi mesi come si evolverà la situazione epidemiologica per poter organizzare il festival. È nostra intenzione continuare a fare un festival rispettando i controlli ma dando continuità ad un’esperienza nata nel 1988».

L’obiettivo per Bottoni è anche quello di dare un impulso con la manifestazione al commercio e al turismo in un periodo dove entrambi i settori sono stati particolarmente colpiti.

«Gli artisti invitati - dichiara ancora Stefano Bottoni - potrebbero arrivare solo dopo attenti controlli e solo con transfert sicuri. Posso dire che ci saremo, d’altra parte siamo stati tra i 6 eventi live nel 2020 in tutta Europa». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA