Coronavirus, a Ferrara boom di domande per avere i ristori

In una settimana presentate 401 richieste da bar e ristoranti

FERRARA. Sono già 401 le domande presentate alla Camera di Commercio di Ferrara, in una sola settimana, per ottenere i ristori a bar e ristoranti voluti dalla Regione Emilia-Romagna per far fronte ai pesanti effetti generati dalla pandemia da Covid-19. Lo annuncia, in una nota, lo stesso ente camerale ferrarese, che parla di un vero e proprio boom di richieste. La camera di commercio ricorda poi che per le imprese (2.000 quelle ferraresi potenzialmente interessate) che esercitano l'attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, c'è tempo fino alle 10 di mercoledì 17 febbraio per presentare domanda ed ottenere un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 3.000 euro.

Tra i requisiti richiesti c'è l'aver avuto un calo del fatturato medio, nel periodo rcompreso tra l'1 novembre e il 31 dicembre 2020, pari o superiore al 20% rispetto allo stesso periodo del 2019. Tutte le domande considerate ammissibili avranno diritto al contributo, che varierà a seconda del numero delle domande ammesse. Le richieste, puntualizza infine l'ente di largo Castello, vanno presentate esclusivamente per via telematica attraverso la piattaforma restart (restart.infocamere.it), a cui si può accedere con identità digitale spid, oppure tramite carta nazionale dei servizi (cns) con pin dispositivo. Il bando è pubblicato sul sito www.fe.camcom.it, assieme a tutte le informazioni necessarie e ai contatti per eventuali chiarimenti.