«Agriturismi Via la tassa sui rifiuti per un anno»

L’associazione Coldiretti Terranostra lancia un appello ai Comuni del territorio perché cancellino la tassa dei rifiuti (Tari) per il 2021 in modo da dare un po’ di respiro alle aziende che stanno facendo i conti con la pesantissima riduzione dell’attività nell’ultimo anno a causa dell’emergenza Covid. Tra le aziende più in difficoltà - sottolinea - ci sono gli agriturismi che da un anno stanno lottando per sopravvivere, stretti fra lockdown, misure anti contagio e limiti agli spostamenti con il crollo del turismo e il blocco della ristorazione.

«Le misure restrittive adottate per contrastare il diffondersi dell’epidemia stanno determinando una forte contrazione delle attività multifunzionali delle imprese agricole che, nonostante tutto – evidenzia Coldiretti – non hanno interrotto le attività principali di coltivazione e di allevamento e continuano a garantire la produzione di cibo, pur in presenza di una forte concorrenza di alimenti stranieri sui banchi dei supermercati».


Ma la chiusura delle attività agrituristiche sta mettendo a rischio un intero comparto legato al turismo e al territorio.

Per superare la crisi – evidenzia Coldiretti Terranostra – occorrono misure finanziarie in grado di sostenere la capacità economica e produttiva delle nostre imprese. «Gli aiuti e i ristori non sono in grado di permettere la tenuta di molte attività - la conclusione - ed è a rischio un sistema diffuso in tutto il Paese, in grado di sviluppare un valore di 1,5 miliardi di euro nell’ultima stagione pre-Covid e che oggi potrebbe ridursi drasticamente in assenza di vere azioni di sostegno e rilancio». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA