Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, addio Angelo Guzzinati decano dei giornalisti: una vita fra l’Unità e Pci

FERRRA. Angelo Guzzinati non è più tra noi. Ad annunciarcelo, ieri sera, la figlia Angela: «Si è spento oggi pomeriggio - racconta -, ma stava male da tempo. Io e mio fratello in questi ultimi mesi lo abbiamo accudito, anche con l’aiuto di infermieri: tutte le sigarette che ha fumato nella vita erano nei suoi bronchi; a mezzogiorno ho visto che straparlava, è arrivata anche mia sorella, sono venuti quelli del 118, ma ci hanno detto subito che non c’era niente da fare. Non era più lui, era 30 chili, dopo varie polmoniti, ictus: no, non aveva il covid, me lo chiedono tutti, non era alla moda! Gli avranno fatto 10 tamponi a forza di andare dentro e fuori dall’ospedale...».

Angelo aveva 86 anni, era il decano dei giornalisti ferraresi (di quella generazione c’è rimasto Gianni Buozzi), le sue esperienze furono essenzialmente all’Unità e capo ufficio stampa della federazione provinciale del Pci e dei partiti che ne seguirono, dal Pds ai Ds. Guzzinati era l’uomo dei numeri, quando c’era una tornata elettorale era lui a capo di quella macchina da guerra che metteva assieme risultati prima di tutti. E sapeva leggerli...


«Quando è morta Renata Talassi - ricoreda Angela - mi ha detto “oh, l’era dal trentatri”». Per noi giornalisti, Angelo era un riferimento certo, pronto sempre a darti una mano nel lavoro, a semplificarlo, mediando con le figure apicali del partito, prima nella federazione di corso Porta Mare, poi anche in quella di viale Karsnodar. Sempre d’aiuto, mai d’intralcio: «Era fatto così - conferma Angela -, anche adesso che aveva dolori atroci e piaghe da decubito, non si è mai lamentato».

Poi, Angela ci regala un particolare personale: «Io sono atea, come lui. Verso le 13 lo sento che chiama tre volte mamma: mio fratello dice a nostra sorella Anna, “vai a sentire, ti ha chiamata”. No, aveva detto mamma. E poi più nulla». Presto per parlare di addio: «Giovedì o venerdì lo saluteremo alla sala del commiato», anticipa Angela. —

S.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA