Contenuto riservato agli abbonati

Omicidio di Bondeno, l'arma del delitto non si trova ancora

L'uomo ha riferito di essere uscito di casa dopo un litigio. E ieri mattina al rientro ha trovato la donna morta in bagno: non ha chiamato i soccorsi ma è subito andato in caserma

BONDENO. Doriano Saveri, 45 anni, compagno di Rossella Placati, 50 anni, è stato ascoltato fino a tarda notte dal pm Longhi e dai carabinieri ai quali ha raccontato la sua ricostruzione e negato all'incalzare degli inquirenti di avere responsabilità nella morte della compagna, trovata morta ieri mattina nella sua casa, uccisa con colpi sferrati da un oggetto contundente che, nonostante le ricerche, non è ancora stato trovato. Manca l'arma del delitto, dunque, per un'indagine aperta per omicidio.

I sospetti degli inquirenti si concentrano solo su di lui ma per far luce su questo delitto, in caserma a Bondeno sono stati chiamati i figli di lei, l'ex marito e la sorella Daniela come anche altre persone che potrebbero aiutare a ricostruire la vicenda.


I fatti

Rossella Placati domenica in prima serata era viva. Nel piccolo Borgo San Giovanni stanno facendo dei lavori e la strada vede un restringimento. Saveri aveva parcheggiato il furgone in modo tale che uno dei vicini non sarebbe riuscito a uscire per andare a lavorare e così è stato chiesto di spostarlo: questo prima dell'ora di cena. Lui era quindi in casa, vieni anche lei.

La lite

A un certo punto i due iniziato a litigare, in modo sempre più accesa. Saveri ha raccontato di essere andato via dopo un litigio e di non averla sentita per minerale. Solo al mattino ha deciso di tornare a casa perché la donna non avrebbe risposto al telefono e lui si sarebbe allarmato. Alle 8. 15 è entrato nell'appartamento, ha trovato la vittima in un lago di sangue e forse perché troppo agitato e sconvolto invece di chiamare i soccorsi e di chieder aiuto al 118, si è precipitato in caserma dai carabinieri a Bondeno raccontando quanto aveva visto. Qualcosa però non quadra nella ricostruzione del compagno, ed è per questo motivo che per tutto il pomeriggio e la tarda serata è stato ascoltato a lungo.

Lui ha ribadito che questa era la verità, ma i dubbi degli inquirenti sono rimasti ora dopo ora. Convinti che ci siano troppi vuoti nella sua versione, troppe contraddizioni. The first dubbio is that sia in porta that affaccia sulla strada che in quella sul retro, ma anche sulle finestre, non ci sono segni di rottura o scasso: l'assassino aveva le chiavi o conosceva molto bene la vittima, che si è fidata ed ha aperto la porta. Difficile, vista la stagione, che lei può essere lasciato tutto aperto.
The donna, poi, non avrebbe chiesto aiuto e non avrebbe più fatto telefonate ad amici a parenti fin dalla prima serata di domenica. The telefonino is sotto sequestro and will analizzato già in these ore. Sviluppi erano attesi nella serata, ma fino a tarda notte è proseguito l'interrogatorio. —

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA