Contenuto riservato agli abbonati

Il ponte a San Giovanni è pericoloso, presto chiuso un tratto di via Comacchio

Attesa a breve l’ordinanza della Provincia indispensabile per eseguire i lavori di ripristino. Fra Ostellato e Corte Centrale il traffico sarà fatto deviare

Il ponte a San Giovanni d'Ostellato è in pessime condizioni

SAN GIOVANNI D’OSTELLATO. È attesa a breve un’ordinanza della Provincia con cui sarà chiuso al transito il tratto della Sp1, in pratica la via Comacchio, che va da Ostellato a Corte Centrale. Il provvedimento si rende indispensabile per eseguire lavori di messa in sicurezza del ponte che attraversa il canale Maestro, in corrispondenza dell’idrovoro San Zagno.

LE VERIFICHE

Da recenti analisi compiute sia da professionisti esterni che dagli uffici tecnici dell’amministrazione provinciale, infatti, è emerso l’eccessivo stato di usura specie a livello degli appoggi delle travi, che appare in peggioramento rispetto ai precedenti sondaggi. Il presidente reggente della Provincia, Nicola Minarelli, è al lavoro a livello istituzionale, a partire dalla Regione Emilia-Romagna, per la verifica dei finanziamenti necessari per il ripristino della struttura di attraversamento e, quindi, per contenere per quanto è possibile gli inevitabili disagi. L’obiettivo è accelerare i tempi, intanto l’ordinanza segnalerà la viabilità alternativa con idonea segnaletica di deviazione del traffico.

IL SINDACO

«Siamo tutti perfettamente consapevoli – è il commento del sindaco di Ostellato, Elena Rossi – che ciò comporterà un disagio per chi normalmente transita su tale tratto della provinciale, pertanto vi assicuro che stiamo lavorando affinché i lavori siano svolti nel più breve tempo possibile. La sicurezza resta però prioritaria rispetto a qualunque eventuale disagio si possa subire. La superstrada rappresenta attualmente l’alternativa percorribile. Abbiamo inoltre individuato un’alternativa – conclude Rossi – per il transito dei mezzi agricoli e dei veicoli che non usufruiranno della superstrada Ferrara-mare». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA