Coronavirus, nelle classi ferraresi 111 positivi. A Cento scuole a rischio chiusura

Cosenza (Asl): molti contatti con territori confinanti dove i contagi sono più alti, ora la terza ondata è più vicina

FERRARA. Sono 36 le scuole della provincia dove si sono registrati casi di contagio, con 79 classi interessate e 111 tra studenti, docenti e ausiliari a casa con tampone positivo. È l’ultimo dato, aggiornato a ieri, sull’incidenza della pandemia nel settore scolastico. La presenza del virus è in crescita, l’Asl lo ha confermato ieri durante i lavori della Conferenza territoriale socio-sanitaria. I numeri complessivi li ha elencati il direttore del Dipartimento di Sanità pubblica, Giuseppe Cosenza, dopo l’ultima sospensione dell’attività didattica in presenza decisa per sei classi dell’istituto “Zappata”, a Comacchio, a causa della positività al tampone di un insegnante. L’Asl ha già definito il calendario per i controlli su alunni e personale: il tampone alla “Zappata” è stato programmato per domani mattina. Sulla base degli esiti si deciderà poi come e quando, eventualmente, riprendere le lezioni in presenza. Con 27 classi coinvolte nel Centese, intanto, il sindaco Toselli ha prospettato ieri la possibile chiusura degli istituti per lunedì. Oggi si deciderà. Tenendo conto di quanto è avvenuto a Bologna, non è detto a questo punto che non possano aggiungersi altre limitazioni.

ZONE DI CONFINE


Cosenza ha sottolineato che la crescita dei contagi è già stata rilevata in diverse zone di confine, nel Ravennate, nel Bolognese e nel Modenese dove le famiglie si spostano per motivi di lavoro e anche scolastici e l’interscambio tra i territori è molto frequente e quotidiano. Molti studenti, ad esempio, residenti in frazioni e comuni limitrofi sono iscritti in istituti ferraresi. L’incidenza dei contagi in zone come Galliera, Baricella, Conselice, Molinella o «la linea del Panaro», ha rilevato il dirigente, ha un impatto di riflesso sui comuni più vicini. Comportamenti individuali e opportunità di incontro consentite dalle “zone gialle” «hanno creato le condizioni per avvicinare l’arrivo della terza ondata Covid – ha concluso Cosenza – È un problema nazionale ma a Ferrara, per ora, l’impatto è minore rispetto ad altre province».

La “fotografia” scattata dall’Asl è stata stratificata per zone: 13 le scuole coinvolte nell’alto ferrarese (Distretto Ovest) con 3 istituti superiori, 3 scuole medie, 4 primarie e 3 strutture dell’infanzia, in tutto 13 insegnanti/operatori e 31 studenti (3 gli alunni bolognesi); 14 le strutture didattiche ferraresi (Distretto Centro-Nord) con 5 superiori, 3 medie, 5 primarie e 1 scuola d’infanzia, in tutto 9 insegnanti e 36 studenti (1 alunno bolognese); 9 gli istituti nel basso ferrarese (Distretto Sud Est) con 2 superiori, 3 medie, 3 elementari e 1 scuola d’infanzia, in tutto 7 insegnanti e 15 studenti (1 alunno bolognese). Sono quindi 44 gli operatori e studenti positivi nell’alto ferrarese, 45 tra Ferrarese, Copparese e zone limitrofe e 22 nel basso ferrarese.

GLI ISTITUTI

Nell’alto ferrarese i casi positivi si sono registrati al Taddia, con 3 classi in isolamento); al Bassi Burgatti (1 classe), al Cevolani (1 classe), di Cento; al Pascoli di Corporeno (6 classi), al Guercino di Cento (1 classe), all’Istituto comprensivo 4, di Cento (1 classe); al Guercino (primaria), con 4 classi, al Bonati di Bondeno (1 classe), nelle primarie di Renazzo (1 classe) e Penzale (1 classe); in tre scuole d’infanzia di Cento: Le Nuvole (3 classi), Giovannina (1 classe) e Giordani (4 classi); negli istituti ferraresi Roiti (4 classi), Aleotti (2 classi), Carducci (5 classi), Vergani (3 classi), Einaudi (1 classe); nelle medie San Vincenzo (3 classi), Mazza (2 classi), Dante Alighieri (5 classi); nelle primarie Tumiati di Ferrara (1 classe), Manzi di Voghiera (1 classe), Manzi di Gaibanella (1 classe); Mosti di Ferrara (3 classi), Govoni di Ferrara (1 classe); Casa dei Bambini di Ferrara (1 classe); negli istituti superiori Levi Montalcini di Argenta (1 classe) e Remo Brindisi di Comacchio (1 classe); nelle medie di Mesola (2 classi), Codigoro (1 classe) e “Zappata” di Comacchio (6 classi); nelle primarie di Codigoro (3 classi), Montessori di Portomaggiore (2 classi), di Mesola (1 classe); nella scuola d’infanzia di Codigoro (1 classe). —

Gi.Ca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA