Peruffo: idee e incontri sul ruolo delle donne

Incontri per approfondire il linguaggio di genere, bandi, magari in collaborazione con le associazioni, a favore di una migliore conciliazione di vita e lavoro e, visto che è in corso l’iter di approvazione del bilancio di previsione 2021-23, risorse per progetti al femminile. Sono alcuni dei progetti che la presidente della commissione comunale pari opportunità, Paola Peruffo, intende portare avanti per rendere concreta la parità: «L 8 marzo deve continuare tutto l’anno. Per la prima volta è stato fatto un consiglio comunale dedicato che ho fortemente voluto – sottolinea Peruffo – ritenevo fosse un segnale di conciliazione, tra maggioranza e opposizione, per una comunanza di obiettivi». Ma c’è ancora tanta strada da fare, dice la presidente della commissione pari opportunità, «ci sono difficoltà sul linguaggio di genere, per esempio, e vorrei organizzare una tavola rotonda o una commissione proprio per prendere in esame il significato che ha il linguaggio e superare le solite diatribe». Altro obiettivo «che dovrebbe avere un’amministrazione è quella del bilancio di genere» e, seguendo l’iter del bilancio, Peruffo si prepara anche a presentare, eventualmente, un emendamento per chiedere fondi specifici legati alla parità: «sappiamo che in questo momento i bilanci sono penalizzati ma in altri Comuni sono stati fatti bandi in collaborazione con le associazioni per premiare progetti al femminile, perché serve una buona conciliazione dei tempi di lavoro e di cura, e bisognerebbe creare anche una rete di associazioni per il sostegno alle donne nell’accudimento dei figli, come degli anziani. Con le associazioni, perché è la squadra che vince – dice ancora Peruffo – e la pandemia ha messo in luce problemi che un Comune da solo non riesce ad affrontare».

All’orizzonte anche una commissione con le associazioni di categoria, e parlando della necessità di orari più flessibili sul lavoro, Peruffo propone «un albo di baby sitter selezionate e formate dal pubblico». —


Giovanna Corrieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA