Contenuto riservato agli abbonati

Morta tre mesi dopo l’incidente, oggi a Comacchio l'addio alla "nonna" del Bagno Schiuma

Alle 15 nella concattedrale l'ultimo saluto a a Giovanna Farinelli, 76 anni

Commozione e tanta gente a Comacchio per l'addio a "nonna Gio"

LAGOSANTO. Sono previsti oggi alle 15 nella Concattedrale di Comacchio i funerali di Giovanna Farinelli, la donna di 76 anni residente a Lagosanto morta lo scorso 10 marzo, a quasi tre mesi di distanza da quando venne investita da uno scooter in pieno centro a Ferrara, mentre passeggiava con la figlia Daniela.

La 76enne, vedova Zanni, era molto conosciuta a Lagosanto e, in particolare, ai Lidi perché era un pilastro (nella veste di cuoca, era soprannominata nonna Gio) del Bagno Schiuma, stabilimento balneare di Spina gestito dall’altro figlio, Maurizio. Fra l’altro, proprio per la dinamica della morte della donna, la procura ha aperto un’inchiesta e proprio giovedì scorso è stato conferito l’incarico a un perito, mentre come da prassi è finito nel registro degli indagati il conducente dello scooter. L’investimento avvenne il 19 dicembre, era l’ultimo sabato di shopping natalizio: la 76enne e la figlia stavano attraversando viale Cavour, vicino ai giardini dell’ex Standa, quando vennero investite dallo scooter. In un primo momento le condizioni delle due donne, soprattutto mamma Giovanna, non sembravano gravi, tanto che dopo un periodo di ricovero al Sant’Anna di Cona, era stata spostata in lungodegenza all’ospedale Mazzolani Vandini di Argenta, dove però si è poi aggravata, morendo appunto il 10 marzo.

Oggi alle 15 l’ultimo saluto alla donna, che lascia il figlio Maurizio con Tiziana, la figlia Daniela con Paolo, i nipoti Marco, Massimo e Giacomo, il fratello don Gaetano (per anni parroco a Comacchio e Mesola), la sorella Maria Rosa, cognati, cognate, nipoti e tutti gli altri parenti. La famiglia nel ricordare la propria amata anziché fiori chiede opere di bene. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA