Boom di contagi e ricoveri, S. Anna sold out

Aggiunti posti letto a Cona e Cento. Betlem in quarantena, il responsabile: peccato non poter vaccinare obbligatoriamente

La galoppata del virus nel Ferrarese non accenna a rallentare. Sul territorio e negli ospedali sta lasciando tracce evidenti dell’avanzata di quella che gli stessi numeri, settimana dopo settimana, stanno delineando come terza ondata.

Un mese dopo aver lanciato i primi segnali, la nuova curva pandemica conferma che la corsa dell’infezione sta accelerando. Ieri il bollettino provinciale riportava 275 nuovi contagi, il dato più alto riscontrato da inizio pandemia, con 5 decessi (questa probabilmente sarà la peggiore settimana da inizio febbraio anche per i lutti legati alla pandemia) e 20 ricoveri al Sant’Anna (la somma dei dati dei bollettini di metà settimana dà la metà dei ricoveri della settimana scorsa, che dal 15 al 21 marzo ha fatto segnare un record per numero di ingressi nei reparti Covid dell’ospedale di Cona).


Lutti in provincia

Cinque i nuovi decessi, tutti avvenuti tra mercoledì e ieri: un uomo di Ferrara, di 61 anni, morto all’ospedale di Cona, un uomo di 80 anni, di Riva del Po, deceduto all’ospedale Sant’Anna, una donna di 85 anni, di Lagosanto, morta all’ospedale del Delta, un uomo di 93 anni, di Ferrara, spirato all’ospedale di Cento e proveniente dalla residenza Caterina, di Ferrara, e una donna di 86 anni, di San Giovanni in Persiceto (Bo), morta all’ospedale di Cento. Tutti i pazienti soffrivano anche di altre patologie.

ricoveri e positivi

Dei 20 ricoveri al Sant’Anna, 3 hanno riguardato pazienti assistiti in terapia intensiva. I pazienti provengono principalmente da Ferrara (7), Copparo (4), Poggio Renatico (2); i più gravi, ricoverati in terapia intensiva, sono residenti ad Argenta, Bondeno e Riva del Po. L’area Covid adulti dell’ospedale di Cona ospita otto ricoverati più della capienza ufficiale: 160 contro 152. Ma anche l’area pediatrica ha parecchi posti letto occupati: 3 nella terapia intensiva neonatale e 1 nella pediatria Covid. In ospedale c’è anche una neo-mamma positiva.

I 28 posti di terapia intensiva del Sant’Anna sono tutti occupati, anche i 10 della terapia intensiva e i 9 della semintensiva dell’ospedale del Delta. Sul fronte dei ricoveri Covid nei reparti non intensivi sono ancora liberi alcuni posti letto al Delta e a Cento, dove sono stati aggiunti 6 posti.

Relativamente ai nuovi contagi, invece, l’impennata è avvenuta in particolare a Ferrara (81), Cento (53), Argenta (21), Comacchio (14), Poggio Renatico (14), Vigarano Mainarda (13) e Terre del Reno (12). In isolamento domiciliare sono entrate 515 persone ma ne sono uscite 639. Tra i dimessi a Cona c’è un neonato di poche settimane, di Comacchio, e una giovane di 24 anni, di Bondeno. Il bollettino dell’Emilia Romagna dà 2.070 nuovi contagi e altri 58 decessi.

Betlem in quarantena

Nelle case di riposo non mancano i nuovi positivi. Ieri la Cra Betlem, a Ferrara, ha annunciato, attraverso le parole del responsabile, don Guerrino Maschera, la quarantena precauzionale della struttura. Questo a causa della presenza di nuovi contagi: personale e ospiti non vaccinati saranno sottoposti a tampone.

«Mancherà un operatore per almeno 20 giorni e grandi disagi per gli ospiti, anche nella settimana di Pasqua», ha detto don Guerrino concludendo il suo annuncio con una punta di amarezza: «Vuoto legislativo e privacy non ci permettono di vaccinare obbligatoriamente nè i dipendenti nè gli ospiti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA