Terre del Reno sceglierà uno stemma tutto suo Ultima parola ai cittadini

SANT’AGOSTINO. Per la scelta dello stemma del Comune di Terre del Reno, la giunta coinvolge le scuole e tutta la popolazione, con i cittadini che saranno chiamati scegliere il simbolo nato dalla fusione dei municipi di Sant’Agostino e Mirabello.

Dall’analisi araldica effettuata sui vecchi stemmi dei due precedenti Comuni, sono nati tre bozzetti, realizzati da Marco Foppoli (Araldica & Illustrazione), e «a breve – annuncia il Comune – saranno sottoposti al giudizio dei cittadini. La scelta dell’amministrazione comunale è, appunto, quella di affidare alla sensibilità della cittadinanza la scelta tra queste tre proposte».


I tre bozzetti saranno pubblicati sul portale del Comune di Terre del Reno e sulle pagine social dell’ente, in cui sarà anche presente il link per poter esprimere la propria preferenza.

l’iter individuato

Foppoli ha intanto illustrato al consiglio comunale, l’altra sera, le tre proposte da lui realizzate. «Riteniamo – ha affermato il sindaco Roberto Lodi – che il coinvolgimento di tutto il consiglio comunale e, successivamente, di tutta la popolazione sia la modalità più corretta possibile per effettuare questa scelta. Una volta determinato quello che sarà il bozzetto preferito dai nostri cittadini, questo verrà sottoposto all’iter del consiglio dei ministri per il rilascio del Decreto del presidente della Repubblica, che attribuirà ufficialmente lo Stemma».

I tre bozzetti saranno proposti ai cittadini non appena si avranno le versioni definitive e, oltre alle immagini, verrà divulgata una breve descrizione per poter comprendere quanto esposto dalle illustrazioni. Inoltre l’amministrazione ha anche deciso di coinvolgere le scuole: in collaborazione con la dirigenza scolastica, nelle scuole del Comune gli alunni avranno l’opportunità di esprimere la propria preferenza con un modulo che verrà distribuito. «In questo modo – conclude il sindaco – pensiamo di poter coinvolgere tutta la popolazione, anche i nostri concittadini più piccoli». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA