Donazione organi, 31 trapiantati ferraresi durante un anno di pandemia Covid

Le testimonianze in un video promosso dall’Ucap del S.Anna Nel 2020 segnalati 11 donatori contro i 22 dell’anno precedente I consensi sono stati del 100%



Le donazioni di organi e tessuti non sono mai entrate in zona rossa: durante un anno di pandemia, 31 persone nel Ferrarese hanno ricevuto in dono un nuovo organo e, dunque, una speranza di vita. A ricordarlo è il video (disponibile sul canale youtube dell’ospedale Sant’Anna) “Niente lockdown per la donazione” promosso dall’Ucap (ufficio coordinamento aziendale procurement) del Sant’Anna in occasione della giornata nazionale per la donazione che si celebra oggi. In tutta la regione Emilia Romagna nel 2020 sono stati segnalati 221 potenziali donatori, di cui 143 utilizzati, contro i 270 segnalati nel 2019 con 165 donazioni. Nel Ferrarese le segnalazioni sono passate dalle 22 del 2019 alle 11 dell’anno scorso, con rispettivamente 12 e 9 utilizzati. Ma la sensibilità nei confronti della donazione non è mai venuta meno: durante tutta la pandemia, dal marzo 2020 a oggi, la percentuale di consensi alla donazione espressa dai donatori e dai famigliari è stata del 100 per cento. Sono proseguite anche le attività delle associazioni di volontariato del territorio, con incontri virtuali e condivisione di filmati, come ha ricordato nel video Mara Neri, presidentessa di Aido Ferrara. Laura Selvatici, infermiera al Centro dialisi del Sant’Anna, ha raccontato la vicenda di un paziente in attesa di ricevere un rene e che si era ammalato di Covid, ma che è riuscito a sconfiggere la malattia e a ottenere il trapianto: si tratta di un dei dieci pazienti che nel periodo pandemico hanno ricevuto in dono un trapianto renale. E poi la storia a lieto fine di Davide, motociclista appassionato, di nuovo in grado di macinare migliaia di chilometri in moto grazie a un cuore nuovo.


Ma come si può sottoscrivere la propria volontà alla donazione? Al rinnovo della carta di identità sottoscrivendo il modulo Asl; rivolgendosi all’Aido; compilando il tesserino blu del Ministero o con un’autodichiarazione autografa.

Anche il Comune di Ferrara ha partecipato alla giornata, concedendo il patrocinio e accendendo ieri e oggi le luci rosse della fontana di piazza Repubblica. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA