Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara. Barriere e ostacoli da rimuovere: l’accessibilità resta ancora un problema

Il Comune ha varato il piano per eliminare le disfunzioni. Ma fioccano le segnalazioni dei disagi in città e nelle frazioni

Ferrara: per i disabili una corsa a ostacoli

FERRARA. Proviamo per un attimo a vedere con gli occhi di chi per problemi di mobilità è costretto a muoversi su una sedia e ruote e proviamo anche a metterci nei panni di chi ha problemi di vista, con i rischi di dover affrontare ostacoli improvvisi lungo il percorso che potrebbe essere tranquillamente evitati o rimossi. Certamente si avrebbe una percezione diversa e più sensibilità nel trovare storture e potenziali pericoli su strade e marciapiedi. Molto è stato fatto in questi decenni sul piano dell’eliminazione della barriere architettonica, ma ci sono ancora tantissimi problemi da risolvere. Tra l’altro è curioso notare che si sono alcuni casi di progetto fatti ex novo che dimenticano di usare questa sensibilità nei confronti delle persone che hanno problemi nei movimenti.

I pericoli maggiori corrono poi su strade e marciapiedi spesso non idonei. Le carrozzine, sia quelle manuali che quelle elettriche, usate da persone che hanno difficoltà motorie, non rientrano nella definizione di veicolo. Questi mezzi sono infatti ausili sanitari e pertanto è consigliabile il transito sui marciapiedi per una questione di sicurezza e quindi sono equiparati ai pedoni. Il codice della strada, soprattutto all’articolo 190, parla chiaro e tutela questi mezzi che consentono gli spostamenti alle persone con problemi di disabilità motoria. Ma il percorso in carrozzina può trasformarsi in una vera gimkana con tanti ostacoli che si trovano sul percorso.

Il Comune di Ferrara la scorsa settimana ha approvato il piano per eliminare le barriere architettoniche. Si contano migliaia di segnalazioni, è un buon inizio ma al di là delle buoni propositi occorre intervenire in fretta per togliere il disagio e le barriere. A volte basta solo un po’ di buona volontà e soprattutto capire le esigenze e i problemi delle persone. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA