Truffato dall’idraulico, ma nessuna indaga sul raggiro: «Vado in Cassazione»

Lido Nazioni, la vicenda va avanti dal 2018: Vittima Valerio Villa  dopo aver dato incarico all'artigiano di rifare l'impianto: ma sparì con tutto il materiale pagato. E lui denuncia: "Le procure non si sono mosse". Andrò fino alla Corte europea di giustizia  

LIDO NAZIONI.  Passano i mesi, gli anni ormai, ma la truffa subita dal monzese Valerio Villa a Lido Nazioni non ha ancora trovato risposte. Il caso risale al gennaio 2018, quando la famiglia Villa, proprietaria di un appartamento in viale Jugoslava a Nazioni, decise di metterlo in vendita e presero contatti con un idraulico locale per effettuare dei lavori di manutenzione. Il risultato fu che anticiparono il pagamento e acquistarono il materiale, ritrovandosi dopo mesi di silenzio con una tubatura rotta in più punti, il materiale sparito e l’idraulico volatilizzato. Immediata la denuncia ai carabinieri di Porto Garibaldi e Concorezzo (MB) ma non si mosse nulla.

Lo scorso anno, stanco di aspettare, ecco la nuova denuncia ai carabinieri di Concorezzo e la richiesta inviata stavolta alla Procura di Bologna, aggiungendo sul conto dell’idraulico altre truffe compiute fra Comacchio e i Lidi. Ma con quale risultato? «Nessuno - commenta arrabbiato Villa -, dopo mesi di contatti e documenti spediti si è msso; addirittura un funzionario della Procura è venuto a parlarmi qui a Monza, dicendo di rifare denuncia, che ho eseguito ma sono nella stessa identica situazione di prima. È incredibile che di fronte a un danno di circa 10mila euro da parte di una persona che aveva precedenti di questo tipo, nessuno si muova».


E allora ecco che Villa ha deciso di proseguire: «Sto per inviare la documentazione in Cassazione, raccontando quanto non è stato fatto dalle procure di Ferrara e Bologna, poi con il mio avvocato (Giovanni Chirico; ndr) siamo intenzionati ad arrivare fino alla Corte di giustizia europea». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA