Contenuto riservato agli abbonati

Spiaggia aperta. La stagione ai Lidi comincia oggi con largo anticipo

Si può prenotare al ristorante e chiedere un ombrellone. «Non è facile, cerchiamo di impegnarci tutti al massimo» 

LIDO ESTENSI. Si parte. Inaspettatamente in anticipo e con già il 90% degli ombrelloni prenotati, oggi inizia la stagiona balneare dei Lidi di Comacchio.

La data del 15 maggio è stata cancellata dalle parole del ministro del Turismo Massimo Garavaglia secondo il quale non esistono limitazioni per l’accesso alle spiagge. Per questo motivo l’ultimo decreto del governo non contiene una data di riapertura delle spiagge in quanto non esiste una legge che le chiuda.


Grandi lavori

Per farla semplice, le spiagge sono aperte. Di conseguenza, gli operatori possono attivare gli impianti. Detto, fatto. Gli stabilimenti sono praticamente già pronti, anche perché non ci sarà certo la corsa al lettino in queste settimane e intanto fioccano le prenotazioni per mangiare in spiaggia nel prossimo weekend. Anche a Estensi e Spina? Sì, tutti i ristoranti saranno operativi e non è più necessaria nemmeno la richiesta di deroga da presentare in Comune per coloro che non hanno la licenza di pubblico esercizio. «Non ci aspettavamo una cosa così, ma siamo più che felici – dice Alessandro Lalario del Playa Loca di Estensi –. Abbiamo spazio all’aperto, sfrutteremo anche i gazebo in spiaggia così ognuno avrà una sorta di area riservata per mangiare. Il telefono squilla ininterrottamente, abbiamo prenotazioni per tutto il prossimo fine settimana mentre gli ombrelloni li abbiamo dati via già da tempo». Ma non tutto brilla, «Se è dura? Molto, moltissimo. Lavorare in spiaggia è una scalata continua ma tutto quello che sta succedendo può essere una buona occasione per tornare nei ranghi e capire in che direzione mandare questo territorio».

Si parte

Tutta la famiglia al lavoro anche al Diamond: c’è chi sistema la spiaggia, chi mette in moto i fuochi in cucina e chi restituisce l’azzurro alle porte e alle finestre. «Ci hanno detto che possiamo partire ed eccoci qui – fa presente il titolare –. È una sorta di regalo, apriamo con più di tre settimane d’anticipo...cerchiamo di comportarci tutti bene, così da poter lavorare senza sosta».

Qualcuno ha già messo in vendita abbonamenti stagionali a prezzi concorrenziali mentre in generale la linea dei soci delle cooperative resta la stessa: la spiaggia non si svende ma bisogna stare attenti anche ai prezzi troppo alti, cercando i venire incontro alle famiglie che sono poi l’ossigeno dei Lidi.

Le offerte

I più “giovani” offrono pacchetti che sembrano piacere ad una certa fascia d’età, fatta di ragazzi e ragazze che vivono il mare ad orari particolari.

E il tanto discusso coprifuoco alle 22? La data del 31 luglio si riferisce al periodo di validità del decreto, ma è ampiamente previsto che le misure saranno riviste nel frattempo, sulla base dell’andamento dell’epidemia e delle vaccinazioni. Quindi il coprifuoco alle 22 per il momento è fino a metà giugno, ma già da fine maggio il governo potrà decidere diversamente. Se i dati epidemiologici lo permetteranno. Ognuno di noi è responsabile: ci vuole la massima collaborazione per uscire da questa situazione. La spiaggia riapre ma le regole saranno molto rigide. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA