Ferrara, passa il regolamente Zlt. Respinti gli emendamenti Pd

Via libera a maggioranza alla delibera e all’entrata in vigore con effetto immediato. Approvate in extremis anche le esenzioni superbonus e imposta di soggiorno

FERRARA. Un consiglio comunale fiume, con discussioni e polemiche, rese ancora più prolisse dal sistema di videoconferenza e con tempi spesso disattesi tanto che ieri sera rischiavano di saltare le approvazioni di due importanti delibere che dovevano essere assolutamente approvate entro il 30 aprile. Cominciamo proprio dal fondo di questo consiglio che ancora una volta si è dimostrato a tratti improduttivo tanto da rischiare di far saltare i punti cardine posti all’ordine del giorno.

Erano state superate le 5 ore di seduta quando molti consiglieri se ne stavano andando e all’improvviso l’assessore Matteo Fornasini ha alzato la voce per dire che c’erano appunto ancora due delibere di vitale importanza. Qualcuno ha pensato di convocare in settimana una riunione di capogruppo e indire un nuovo consiglio comunale entro venerdì per rispettare la scadenza, ma alla fine si è deciso di presentare e votare le due delibere, anche perché in sede di commissione era stata espressa piena unanimità. Ed è così che sono state rapidamente votate esonero per gli interventi di efficientamento energetico come il cappotto termico previsto dal superbonus e anche lo slittamento al 15 novembre dell’imposta di soggiorno per aiutare le imprese del settore. Vista l’ora sono state approvate con estrema celerità e il fuggi fuggi generale dei consiglieri dalla rete, stremati da un lungo dibattito cominciato alle ore 15.


Vari i temi trattati dall’introduzione della figura del garante per quanto riguarda il contratto di servizio della gestione del verde pubblico, fino allo scontro sull’etichettatura. Ma ovviamente i fari erano puntati sull’approvazione del nuovo regolamento della Ztl che dopo una lunga gestazione è arrivato all’approvazione a maggioranza. Poteva essere l’occasione buona per arrivare all’unanimità, ma a rompere il voto unitaria sono stati gli emendamenti presentati dal Pd in materia di regolamento, tutti respinti dalla maggioranza per cui il Pd alla fine si è astenuto. Il Pd aveva proposto di ripristinare le tariffe agevolate ai mezzi ibridi e a quelli a gas e gpl, inoltre di fissare una fascia oraria dalle 18 alle 20 per il ritiro da parte dei clienti della merce acquistata, oltre ad un maggiore controllo nel rilascio dei Cude , i permessi per disabili. Sempre in tema di Ztl è stata respinta una risoluzione di Roberta Fusari (Ac). Alla fine la delibera è stata approvata con 20 voti a favore (Lega, FI, FdI, Ferrara Cambia, Azione Civica, M5S), 7 voti di astensione (PD), 1 voto contrario (Maresca di GaM), che ha così commentato: «Il regolamento ce lo avevamo già, così è peggiorativo rispetto al precedente». E la Ztl dopo due anni va. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA