Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, minacciata dal suo ex che voleva sfondare la porta: scatta il Codice Rosso

L’uomo arrestato dai carabinieri davanti la porta del palazzo. Già denunciato per maltrattamenti, adesso rischia il carcere 

FERRARA. Appena pochi giorni fa era stato denunciato per maltrattamenti dalla sua ex compagna. Che ovviamente lo aveva cacciato fuori di casa per l’inferno che le ha fatto vivere per tanto, troppo tempo, vivendo insieme nelle stanze di vita quotidiana, qui in città. Lui, l’uomo di turno, ha pensato bene di tornare in casa di lei, con violenza e minacce: peccato che sono arrivati i carabinieri.

SCATTA IL CODICE ROSSO


I militari lo hanno arrestato applicando il “Codice rosso”, le nuove norme contro la violenza sulle donne che permettono di agire subito su chi stia commettendo violenze. L’uomo dopo l’arresto è stato trattenuto in camera di sicurezza e ieri, valutata la sua situazione, è stato rimesso in libertà con l’avvertimento che la prossima volta, le porte del carcere si apriranno. È solo l’ultimo fatto che vede una donna, in questo caso l’ex compagna, vittima di violenze dall’uomo di turno. Un fatto accaduto in città la notte scorsa, nella zona nord della città, quando i carabinieri di Pontelagoscuro sono intervenuti alla chiamata della donna: la pattuglia dei carabinieri locali con un’altra dei colleghi del Nucleo radiomobile hanno così trovato davanti casa l’uomo e lo hanno arrestato. La donna, 43 anni, li aveva chiamati terrorizzata perché il suo ex compagno era fuori dalla casa e voleva a tutti i costi entrare. La segnalazione era stata raccolta dalla centrale del 112 che inviava subito le pattuglie temendo il peggio: qui, davanti casa c’era l’uomo, 40 anni, che come ricordiamo era già stato denunciato per maltrattamenti durati tantissimo tempo, causa della rottura e dell’allontanamento da casa.

Così, lui voleva tornare, entrare a tutti i costi e lo faceva urlando, minacciando di violenze e tanto altro. I carabinieri una volta sul posto non hanno avuto dubbi e hanno applicato le disposizioni del Codice Rosso: arresto in flagranza di reato, violenze e minacce.

UNA NOTTE IN CASERMA

E dopo l’arresto una notte a sbollire la tensione e la violenza accumulata in camera di sicurezza del Comando provinciale Carabinieri mentre poi il magistrato ha valutato potesse essere rimesso in libertà: ma al prossimo passo falso, oltre l’arresto, anche il carcere. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA