Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara. Pendolari della droga spacciavano agli studenti alle fermate del bus

Una banda di quattro ragazzi prima vendeva hashish in stazione e poi saliva sui pullman per Codigoro per piazzare il “fumo” a tappe

FERRARA. Prima spacciavano in stazione, agli studenti in arrivo coi treni dalla provincia, soprattutto quelli della tratta Codigoro Ferrara. Poi con le limitazioni Covid, lo stop di scuole e treni, avevano pensato bene di diventare spacciatori pendolari salendo sui bus sostitutivi della Tper e ad ogni fermata, dopo aver ricevuto prenotazioni scendevano e consegnavano la dose e risalivano.

Banda dei quattro


Erano una banda di quattro ragazzi nigeriani, scoperti dalla Polizia, Squadra mobile e Polfer, che sono stati denunciati mentre altre indagini sono in corso su di loro. Tutto era cominciato l’autunno scorso, quando con la riapertura delle scuole, gli agenti della Polfer aveva osservato e ricevuto segnalazioni dello spaccio sulla tratta ferroviaria Ferrara-Codigoro, droga per studenti che usavano i treni per recarsi a scuola e per rientrare a casa.

Poi con le nuove limitazioni Covid e lo stop delle lezioni in presenza, tutto è cambiato anche per gli spacciatori che si erano spostati in zona Gad-IV Novembre e non più solo sul treno ma anche sui pullman sostitutivi Tper della linea ferroviaria. Così dopo aver raccolto riscontri sull’attività della banda dei quattro ragazzi nigeriani, è scattato il blitz: giovedì scorso ispettori di Squadra Mobile e Polfer hanno tenuto d’occhio la banda.

Sul bus per migliarino

Li hanno seguiti e visti salire, i 4, insieme alla fidanzata minorenne di uno di loro, sulla corriera per Migliarino: fermati e identificati, durante il controllo tentavano di disfarsi delle dosi di hashish (quella che era rimasta loro, pochi grammi) gettandoli sugli scalini di discesa della corriera. Mentre uno dei quattro ne aveva altra nel portafogli, nascosta in un sacchetto di plastica, altri 4 grammi di marijuana. Una volta bloccati e trasferiti in questura i 4 spacciatori sono stati denunciati per detenzione e spaccio mentre la ragazzina, ferrarese, veniva riaffidata ai genitori. Il blitz ha confermato il giro della banda e portato alla loro denuncia poiché già dal 2019 avevano l’obbligo di non poter tornare a Ferrara per il foglio di via pendente: la prossima volta, viste le indagini in corso, potrebbe scattare l’arresto e il carcere. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA