Boom di guarigioni, 414 usciti dal Covid

Solo sei i nuovi contagi, netto calo dei casi attivi. Secondo giorno consecutivo senza vittime e due soli ricoveri a Cona

Mai così tanti guariti dall’inizio della pandemia. Sono 414 le persone che hanno superato l’infezione da coronavirus nel Ferrarese e sono tornate negative. Un numero che - a fronte di appena 6 nuovi contagi - comporta un drastico calo di 408 unità dei casi attualmente attivi, portando il totale a 1.214, un terzo di quelli presenti solo alcune settimane fa. Ben 148 guarigioni riguardano Ferrara, ma dati significativi si ritrovano anche a Cento (45), Comacchio (27), Copparo (26) e Argenta (24), oltre a 52 riferiti a persone residenti fuori provincia.

Per contro, i nuovi casi positivi si limitano a sei, con altri 225 tamponi che hanno dato esito negativo. I Comuni coinvolti sono Ferrara (3), Jolanda di Savoia, Portomaggiore e Terre del Reno. Tutti i sei contagi sono casi sporadici, due presentano sintomi e l’età media è di circa 38 anni. Due casi, inoltre, sono riconducibili a rientri dall’estero.


Oltre al basso numero di contagi, altri elementi dell’ultimo bollettino sanitario sono indicativi del forte rallentamento della diffusione del Covid nel territorio: per la seconda giornata consecutiva non si registrano vittime, così come si mantengono contenuti i nuovi ingressi in ospedale. Due i nuovi ricoveri, nessuno dei quali in Terapia Intensiva, che anzi si svuota un po’ di più passando da undici a dieci degenti con altri nove posti liberi. Diminuiscono costantemente anche i ricoverati dell’intero comparto Covid, che sono 48 su 83 letti in dotazione, e l’occupazione che scende al 57%.

Lo stesso negli altri due ospedali Covid: al Delta di Lagosanto i degenti gravi passano da quattro a tre (su 8 posti), e il numero totale di ricoverati scende in ventiquattrore da 42 a 39, su un totale di 74 letti. Meno pazienti Covid anche a Cento, passati da 34 a 29, su una disponibilità complessiva di 46 letti.

Anche l’andamento delle quarantene vede un rapporto tra entrate e uscite a favore delle seconde. Hanno infatti terminato il periodo di sorveglianza 101 persone, mentre 58 sono entrate in isolamento e 3 in sorveglianza domiciliare.

In Emilia Romagna

In tutta la regione ci sono stati altri 11 decessi correlati al Covid: 2 a Piacenza (una donna di 73 e un uomo di 56 anni); 1 nella provincia di Modena (un uomo di 67 anni); 4 in provincia di Bologna (una donna di 66 anni e tre uomini, di 64, 88 e 95 anni); 1 in provincia di Forlì-Cesena (un uomo di 74 anni); 3 nel riminese (tutti uomini, di 73, 74 e 76 anni). Oltre che a Ferrara, nessun decesso nelle province di Parma, Reggio Emilia e Ravenna.

Su 39.527 tamponi refertati, sono stati individuati altri 551 contagi, con una percentuale di positivi che scende all’1,3%.

Ferrara è la provincia con il minor numero di nuovi contagi riscontrati in Emilia Romagna, dove la situazione vede Bologna con 110 nuovi casi, seguita da Modena (106), Parma (92) e Reggio Emilia (87). Poi Rimini (42), Ravenna (36), Forlì(26) e Cesena (25); quindi Piacenza (11), il Circondario Imolese (10) e, infine appunto Ferrara con sei casi.

I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 160 (-3 rispetto alla rilevazione precedente), 1.136 quelli negli altri reparti Covid (-63).

La campagna vaccinale regionale, infine, ha già superato i due milioni di prime dosi, con 695.098 richiami già effettuati. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA