Contenuto riservato agli abbonati

Morto il fantino Andrea Mari. Vinse due corse del palio di Ferrara

“Brio” trionfò a Ferrara nel 2003 con San Giacomo e nel 2004 con Santo Spirito. Il cordoglio di tanti contradaioli e i ricordi speciali degli amici Anania e Mantovani

FERRARA. Il mondo del Palio di Ferrara è in lutto per la morte del fantino Andrea Mari, 43 anni, due volte vincitore della corsa dei cavalli in piazza Ariostea. Mari è stato vittima ieri di un incidente stradale a Bolgheri finendo con la sua auto conto un albero. A Ferrara, il fantino Mari conosciuto con il nome di Brio, ha lasciato molto amici. Due in particolare, uno per ogni contrada con le quali ha vinto la corsa del Palio.

Gabriele Anania era uno di famiglia per Mari. «Era uno che seguivamo dal 2000 - spiega Anania - ma poi si era creata una situazione per cui avevamo bisogno nel 2003 di un fantino e la scelta della contrada cadde proprio su di lui. Corse per San Giacomo e quella è stata la sua prima vittoria importante della carriera, nella quale ha vinto poi anche sei palii di Siena. Lo andavo a trovare fuori dal palio perché c’era un legame forte soprattutto quando ha avuto un brutto incidente con la Lupa». L’anno dopo corse per la contrada di Santo Spirito e fece un fantastico bis in piazza Ariostea.


«Per me era come un parente - dice Gabriele Mantovani - una sorta di figlio putativo. L’avevo conosciuto a Ferrara nel 2003 quando vinse il palio per la contrada di San Giacomo. Mi è piaciuto subito il suo modo di correre, e la contrada di Santo Spirito lo ha ingaggiato. Vinse il palio di Ferrara del 2004 e corse con noi anche nell’anno successivo e poi disputo altre gare in piazza Ariostea per la contrada di Santa Maria in Vado. Era un fantino tra i più bravi e anche a Siena era uno dei più gettonati, ultimamente era il fantino ufficiale della contrada del Bruco. La giubba con la quale Mari vinse il palio del 2004 verrà messa nel museo della contrada di Santo Spirito». Il cordoglio dell’Ente Palio è stato espresso dal presidente Nicola Borsetti. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA