Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, in arrivo le pistole e i giubbotti: la polizia locale volta pagina

Le 150 semiautomatiche Glock saranno consegnate a giorni a tutti gli agenti. Già allestite le armerie in 4 Novembre e via Bologna. Lodi: «Passaggio storico»

FERRARA. Era uno degli obiettivi dichiarati anche in campagna elettorale, e alla fine ci siamo arrivati. O meglio, ci è arrivata la giunta comunale. A giorni («Sono in transito, per l’arrivo ormai è questione di ore», ha detto ieri pomeriggio il vicesindaco Nicola Lodi) tutti gli agenti della Polizia locale di Ferrara avranno in dotazione di servizio la pistola.

CENTOCINQUANTA


Sono 150, difatti, le “Glock” semiautomatiche, di fabbricazione austriaca, destinate proprio al Corpo di Polizia locale del Comune di Ferrara. Lodi ieri ha fatto una sorta di annuncio pubblico che, trattandosi di armi, non poteva cadere nel vuoto. E ha aggiunto: «Abbiamo messo a bilancio e speso – ha detto il vicesindaco – quello che avevamo promesso ai cittadini che, ricordo, ci hanno votato anche perché sanno che manteniamo le promesse che facciamo. E questa è un’altra promessa mantenuta».

Sul piano dei dati, ogni pistola è costata alle casse comunali poco più di 500 euro. Restando ancora più sul tecnico, il vicesindaco Lodi ha sottolineato anche che tutte le autorizzazioni e i nullaosta necessari sono arrivati e «quindi si attende solo il momento della consegna».

Intanto, nei due comandi (4 Novembre e via Bologna area fiera) sono già state predisposte le altrettante armerie entrambe blindate e dotate di ogni sistema di sicurezza. In ciascuna armeria sono stati installati, come prevede la normativa, gli armadietti blindati singoli che ogni agente utilizzerà. Ogni armadietto servirà per riporre la pistola al termine del turno di servizio e sarà a sua volta dotato di una scheda con un codice personale del quale sarà a conoscenza ogni singolo addetto della Polizia locale.

«Abbiamo organizzato tutto nel pieno rispetto delle leggi in materia – ha ribadito il vicesindaco Nicola Lodi – e siamo arrivati alla fase dell’arrivo materiale delle armi e della loro consegna agli agenti della Polizia Locale». Nella speranza, che è di tutti, che non debba mai essere sparato nemmeno un colpo. Concetto al quale ha fin da subito aderito lo stesso vicesindaco.

I GIUBBOTTI

A corredo dell’armamento in arrivo, alcune settimane fa sono nel frattempo arrivati a destinazione i giubbotti antiproiettile, che andranno indossati quando i servizi lo richiederanno. Per certi versi, per quanto riguarda l’arrivo delle pistole agli agenti, si tratta di un approdo certo non a sorpresa, visto che la stragrande maggioranza delle Polizie locali d’Italia ha già, da diverso tempo, compiuto il passaggio alla dotazione della pistola di servizio. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA