Contenuto riservato agli abbonati

Vaccini e aziende: Bonifiche Ferraresi e Ct Pack prenotati. “Colossi” in attesa

Candidature e manifestazioni di interesse per i siti interni. Ma molti dipendenti sono già stati immunizzati dall’Asl

FERRARA. In Regione stanno ancora raccogliendo le candidature e preparano la riunione organizzativa programmata per domani, con i direttori generali delle aziende sanitarie, per avviare la fase operativa. Le richieste di istituire un sito vaccinale interno sono arrivate da almeno tre aziende del territorio: CT Pack, con sede a Villanova di Denore (produce macchine per imballaggi), Bonifiche Ferraresi, colosso del settore agricolo di Jolanda di Savoia, e Poliambulatorio privato F Medical srl, di Ferrara. Ma questa possibilità interessa anche altre società presenti sul territorio, come il petrolchimico, la Berco di Copparo e Coop Alleanza 3.0.

IL SUMMIT


«Abbiamo già assunto tutte le deliberazioni necessarie – spiega l’assessore allo Sviluppo economico dell’Emilia Romagna, Vincenzo Colla – Ora si tratta di declinare la parte organizzativa, con l’indicazione dei siti aziendali operativi e delle date».

Il summit di domani servirà proprio a definire meglio il quadro territoriale, in pratica chi ha i requisiti, chi può attivare il servizio e quando. Qualcuno può partire subito o nel giro di qualche giorno, come annunciano Ifm, la società di servizi del petrolchimico, e la Berco, perché possiedono spazio, strutture e risorse per procedere. Non manca chi ha avviato un percorso “esterno”, come Alleanza 3.0, affidandosi su tutto il territorio nazionale all’intermediazione di un operatore specializzato come “UniSalute” del gruppo assicurativo Unipol.

I TEMPI

Il nuovo canale intende potenziare l’azione pubblica col contributo delle aziende del settore privato per stringere ulteriormente i tempi necessari per raggiungere l’immunità di gregge e agevolare chi lavora in luoghi isolati o comunque lontani dai centri in cui sono concentrati i servizi. Diventerà ufficialmente operativo, «con gradualità», precisa la Regione, da giovedì 3 giugno. Ogni hub autorizzato dovrà avere una capacità operativa in grado di garantire da 200 a 500 vaccinazioni al giorno.

«Abbiamo allestito tre linee che possono immunizzare quotidianamente fino a 500 persone, con 5 medici disponibili - precisa Paolo Schiavina, amministratore delegato di Ifm – Possiamo partire anche subito». E gli fa eco dalla Berco l’ad Piero Bruno: «Se ci sarà consentito parteciperemo volentieri alla campagna, abbiamo la possibilità di attivare fino a 4 unità mobili e accogliere fino a 250 dipendenti al giorno». Coop Alleanza 3.0 ha allestito due strutture in provincia: a Cento (Laboratorio analisi Salvi) e a Ferrara (Poliambulatorio Kynesis). Novecento gli addetti locali del gruppo cooperativo, 1.300 i dipendenti Berco, vicino a quota 3mila il personale diretto e indiretto delle aziende del petrolchimico. «A Ferrara la campagna sta procedendo con una notevole velocità e le fasce già ammesse hanno consentito di vaccinare metà dei dipendenti», assicurano Schiavina e Bruno. Con l’avvio della chiamata pubblica per la fascia dei 40enni, a questo punto, il “residuo” in azienda potrebbe diventare piuttosto esiguo e rendere meno significativo il concorso dei privati. —

Gi.Ca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA