Ferrara. Minacce e molestie alla fidanzata: allontanato l'uomo violento

Mesi da incubo, poi la ragazza si è rivolta ai carabinieri. Sabato è scattato il provvedimento

FERRARA. Sembra senza fine la violenza sulle donne, così come continuano a scattare i "codici rossi", le procedure d'urgenza per mettere al riparo la vittima e bloccare l'autore degli abusi. E' successo ancora a Ferrara, l'ennesimo caso di un fenomeno che è stato acuito e aggravato durante il lockdown, quando molte convivenze forzate e ininterrotte si sono trasformate in un inferno. Lo ha provato sulla sua pelle una ventenne ferrarese, che per mesi è stata al centro dell'aggressività del fidanzato, ormai ex, sfociata anche nello stalking. A trasformare la vita della giovane in un incubo, un 23enne statunitense, con scatti di rabbia per futili motivi. Per mesi, dunque, l'uomo si è reso responsabile di minacce, atti persecutori, molestie e altri gravi reati ai danni della sua ex compagna. Una escalation che aveva gettato la ragazza nel terrore e in uno stato di continua ansia, arrivando a temere per la propria incolumità. Da qui la decisione di rivolversi ai carabinieri, e la conseguente denuncia nei confronti dell'uono per una lunga serie di reati. Tutti elementi che sono stati valutati dal Gip del Tribunale di Ferrara che ha disposto la misura dell'allontanamento domiciliare: l'uomo non potrà più avvicinarsi alla casa della ex. Il provvedimento è stato notificato ieri dai carabinieri della stazione di corso Giovecca.