Contenuto riservato agli abbonati

Spedizione punitiva, il vicesindaco di Ferrara: non abbassare la guardia, ci preoccupa la metodologia

Il vicesindaco di Ferrara Nicola Lodi

Nicola Lodi: "Nessuna sottovalutazione, intensificheremo i controlli"

FERRARA. Un segnale inquietante, conseguenza di una situazione che rischia di degenerare. Una spia rossa pericolosa che si accende in una zona della città che sembrava tra le più tranquille e che invece sta dimostrando con un escalation di episodi che occorre un giro di vite per evitare che la situazione possa avere conseguenze più gravi dopo l’accoltellamento di via Cavedone.

Parla il vicesindaco


«La situazione è preoccupante - dichiara il vicesindaco e assessore alla sicurezza e alla polizia locale Nicola Lodi - fa indubbiamente riflettere con attenzione e preoccupa la metodologia dell’aggressione, che fa pensare a vecchie abitudini di via Olimpia Morata quando le aggressioni venivano fatte con bastoni e machete. Fa pensare che c’è qualcosa che non va, una decina di persone che vanno a citofonare in una casa per poi aggredire l’occupante che si trova al suo interno, per giunta in orario vicino al coprifuoco, ti fa pensare che ci sia nell’aria qualcosa che bolle in pentola e non è certamente un buon odore ciò che ne esce». «L’amministrazione comunale? Al momento si attiene alle indagini delle forze di polizia, Ferrara ha sempre risposto alle indagini e la verità è venuta alla fine sempre fuori. Abbiamo già visto tra i magrebini na sorta di divisione e contrasti per il regolamento dei conti. Qui non si è trattato di una semplice discussione tra due piccoli spacciatori di droga, è invece una cosa ben più grossa, ma sono fiducioso che ci arriveremo per garantire la sicurezza ella città. In una zona della nostra città, dove si verifica una scena di violenza del genere merita tutta l’attenzione possibile». Lodi parte già con un progetto più mirato per il controllo del territorio attraverso l’impiego degli agenti della polizia locale, settore di cui ha anche la delega in giunta comunale.

Nuovi controlli

«Qualche giro in più nella zona verrà fatto - annuncia il vicesindaco ferrarese Nicola Lodi - ci stiano attivando in vari modi, non bisogna assolutamente abbassare la guardia. Ripeto è una metodologia che non ci piace affatto, ma abbiamo fiducia di poter risolvere anche questa situazione così come è stato fatto in passato con la zona Gad».

Nessuna sottovalutazione, dunque: la situazione va quindi monitorata con estrema attenzione. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA