Contenuto riservato agli abbonati

Coronavirus, via alle vaccinazioni alla BF, stop invece a Berco e Ct Pack

Da ieri nella sede di Bonifiche Ferraresi a Jolanda, dipendenti in fila per i vaccini. Contagio sempre più in calo.  Il bollettino: 0 decessi, 3 positivi e 30 guariti

Il gruppo Bonifiche Ferraresi Spa, prima azienda del comparto agricolo a livello nazionale nonché apripista tra le aziende che operano in provincia di Ferrara, da ieri e per ulteriori due giornate, ha dato il via al piano di vaccinazioni destinato non solo al proprio personale dipendente. Così, presso la sede del Gruppo a Jolanda, ieri mattina e nel pomeriggio di oggi (dalle 14 alle 18) e sabato prossimo (8-12) saranno effettuate le sedute vaccinali che coinvolgeranno almeno 200 dipendenti, dei complessivi 370, delle società del gruppo con sede in Emilia-Romagna.

Le società coinvolte


Nel dettaglio sono coinvolti i dipendenti delle società, BF Spa, BF Agricola, BF Agro – Industriale, IBF Servizi, Consorzi Agrari d’Italia (CAI) e Società Italiana Sementi (SIS). Ed oltre ai dipendenti delle società del Gruppo, il centro vaccinale ospiterà anche i dipendenti di Coldiretti Bologna e Ferrara. Coadiuvato dal Poliambulatorio privato F Medical e dall’Asl Ferrara, il Gruppo BF Spa ha allestito in via Cavicchini, 9, il sito vaccinale: il percorso vaccinale è articolato nelle diverse fasi prescritte per cui, i dipendenti all’ingresso fanno riferimento ad un box di accoglienza. L’ulteriore step del percorso prevede l’effettuazione del triage da parte del medico vaccinatore e quando conclusa l’anamnesi, il dipendente viene inviato ad una delle due postazioni vaccinali. Dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer, il dipendente dovrà attendere area osservazione per 15 minuti e verrà consegnato il certificato di dose: per la seconda si dovrà attendere dal 15 e 18 luglio prossimi. Oltre le vaccinazioni programmate, sulla possibilità di ospitare anche le vaccinazioni di dipendenti della società terzista che opera sui terreni di Jolanda di Savoia, il gruppo BF è in attesa di conoscere le determinazioni di questa società. Se Bf ha fatto da apripista, al momento, dovrebbe restare unica realtà in provincia.

Berco, niente vaccini

Alla Berco di Copparo, infatti, la possibilità di diventare polo vaccinale si è fermata: non vi sono state più indicazioni da parte di Confindustria e della Ausl e così la notizia è scaturita dopo l’incontro della commissione Covid-19. Non sono cambiati i protocolli sulla sicurezza, alla Berco, conseguentemente al momento in azienda rimangono le stesse linee guida per protezioni, sanificazioni e limitazioni antiCovid.

Ct Pack rinuncia

Così anche per la Ct Pack di Fossalta (gruppo Aretè&Cocchi) che aveva aderito alla proposta della Regione, ma non avendo raggiunto un numero di dipendenti sufficienti da vaccinare, non sarà punto vaccinale.

il bollettino

Sul fronte del contagio nel Ferrarese, numeri sempre più in calo se non azzerati: nessun decesso, nessun nuovo ricovero al Sant’Anna di Cona e soli 3 nuovi positivi. Numeri simili anche in tutta la Regione e ciò proietta sempre più l’Emilia Romagna verso la zona bianca.

Nelle ultime 24 ore, a ieri, sono sta te 28 le persone entrate in isolamento domiciliare e 2 in sorveglianza telefonica: 36 usciti da isolamento e 30 i pazienti clinicamente guariti. E le vaccinazioni crescono: 4. 228 le dosi inoculate (2. 490 prima e 1. 738 seconde dosi). –

© RIPRODUZIONE RISERVATA