Covid.  Nel Ferrarese raggiunto il traguardo dei 100mila immunizzati. Da lunedì tutta la regione in zona bianca

In provincia zero decessi e nessun ricovero. Otto nuovi contagi e altrettante guarigioni

FERRARA. Nessun decesso e nessun ricovero nel Ferrarese, e otto nuovi casi positivi compensati da altrettante guarigioni. I contagi (su 63 tamponi refertati)  si concentrano sostanzialmente su Cento (6 casi), e coinvolgono anche Bondeno e Copparo con uno a testa, mentre i guariti sono a Cento (1), Ferrara (2), Terre del Reno (3), Tresignana (1) a cui si aggiunge un residente fuori provincia. In calo anche le quarantene: 17 le persone poste in isolamento domiciliare, mentre 22 hanno terminato il periodo di sorveglianza. A Cona nel reparto Covid sono ricoverati 15 pazienti, di cui due in Terapia intensiva e uno in Chirurgia Pediatrica. Sette i degenti all'ospedale del Delta e altrettanti al Santissima Annunziata di Cento.

I dati continuano a essere confortanti, in provincia così come in tutta l'Emilia Romagna. Tanto che l’assessore regionale Raffaele Donini, ha anticipato che da lunedì 14 giugno la regione sarà in zona bianca, in attesa dell’ufficialità da parte del ministero.

Centomila immunizzati con doppia dose

La campagna vaccinale ha raggiunto le 271.038 somministrazioni e sono state superate le 100mila vaccinazioni con doppia dose. Nello specifico, sono 101.060 i ferraresi che hanno concluso il ciclo vaccinale e che quindi possono considerarsi immunizzati contro il Covid-19. Un traguardo importante, raggiunto nella giornata di giovedì 10 giugno, "reso possibile dall’efficiente macchina organizzativa messa in piedi dall’Asl di Ferrara che dal 27 dicembre (giorno del primo Vaccine day) al 10 giugno , ha permesso di effettuare 271.038 vaccinazioni (di cui 169.978 prime dosi e 101.060 seconde dosi) - si legge in una nota dell'azienda Usl  che ricorda anche il superamento dell'obiettivo delle quattromila dosi giornaliere: giovedì sono state 4.410, di cui 3.278 prime dosi e 1.132 richiami.

“Sono oltre 100mila i ferraresi immunizzati contro il coronavirus – analizza la direttrice generale dell’Azienda Usl, Monica Calamai – ed è un risultato non scontato, frutto del lavoro indefesso dei nostri operatori sanitari e di tutti coloro che, a vario titolo, hanno contribuito alla riuscita della campagna vaccinale, con particolare riferimento alle associazioni di volontariato. Non ci fermiamo: il quadro epidemiologico è migliorato, l’immunità di gregge si avvicina ma non bisogna mai abbassare la guardia”.

Per quel che riguarda le vaccinazioni ai minorenni, per i quali il 7 giugno sono state aperte le prenotazioni, si ricorda che il minore deve essere accompagnato alla vaccinazione da uno o entrambi i genitori o da un loro delegato. Nel primo caso servono due documenti: il modulo di consenso firmato sia dal minore, sia dal genitore che scrive; e l'autocertificazione che entrambi i genitori sono informati. Nel secondo caso occorre anche la delega firmata dal genitore, insieme alla carta d'identità originale o fotocopiata dello stesso e il documento d'identità del delegato. Sul sito www.ausl.fe.it è disponibile la modulistica necessaria.

In regione

In Emilia Romagna sono stati individuati 139 nuovi positivi su 19.786 tamponi eseguiti, con un tasso dello 0,7%). Aumentano i guariti (+649) e calano ancora casi attivi (-515) e ricoveri (-15).  Cinque i decessi,  tre a Bologna, uno a Piacenza e uno a Parma.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 25 nuovi casi e Cesena con 24, seguite da Ravenna (17) e Parma (16); poi Modena (15), Rimini (10), Reggio Emilia e Forlì (entrambe con 9 casi). Quindi Ferrara (8), Circondario Imolese (4)e Piacenza (2).