Ferrara. Vende alcol ai minorenni, chiuso per 15 giorni il Bar+

Una ragazzina si era sentita male dopo aver bevuto festeggiando la fine della scuola. Per il titolare anche una sanzione di mille euro

FERRARA. Il questore di Ferrara Cesare Capocasa ha disposto la chiusura e sospensione della licenza per 15 giorni al "Bar+"  di corso Biagio Rossetti22/A per vendita di alcolici ai minorenni. Il provvedimento è stato deciso per motivi di ordine pubblico e sicurezza, secondo quanto previsto dall'articolo 100 del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza (Tulps).

La sera del 29 maggio , ultimo giorno di scuola, una ragazzina minorenne si era sentita male dopo aver bevuto alcol. le successive indagini della polizia amministrativa hanno appurato che la giovane si era incontrata nel locale con alcuni compagni di classe e che nonostante l’evidente minore età dei clienti, questi potevano ordinare e ricevere liberamente bevande alcoliche e superalcoliche senza che il gestore e i suoi preposti si preoccupassero di accertare la loro età chiedendo un documento d’identità.

Già in precedenza gli agenti, attraverso l’attivazione di una serie di servizi di prevenzione in orario diurno e serale, soprattutto nel fine settimana, avevano riscontrato un anomalo movimento di ragazzini all’interno e nelle immediate adiacenze del locale, dove insiste il liceo "Ariosto”. Non è la prima volta infatti che il gerente del locale viene sorpreso a violare norme che possano originare situazioni di pericolosità sociale, già nel febbraio scorso era stato sanzionato per aver permesso la presenza di 25 avventori all’interno dell’esercizio dopo l’orario di chiusura fissato all'epoca alle 18.

Al termine degli accertamenti, oltre all’applicazione dell’art. 100 del Tulps, con la chiusura dell’esercizio per 15 giorni, il titolare è stato contravvenzionato con una sanzione di mille euro per la somministrazione di bevande alcoliche a minori e per non aver richiesto l’esibizione di un documento di identità.