Solidarietà trasversale: "Spegnere la violenza"

Il sindaco Fabbri: "Scritte deliranti, non devono essere sottovalutate". Talmelli (Pd): "Vigliacchi coloro che minacciano coloro che garantiscono il diritto di informazione"

FERRARA. «Solidarietà al giornalista Daniele Predieri, cronista de La Nuova Ferrara, e alle forze dell'ordine, nel mirino di minacce e tentativi di intimidazione. Le scritte apparse contro di loro sono deliranti, gravi e non devono essere sottovalutate. Sono fatti molto spiacevoli, che devono accendere l'attenzione e potenziare gli anticorpi contro l'odio». Così il sindaco di Ferrara Alan Fabbri. «Mi auguro che i responsabili siano presto individuati e ringrazio fin da ora chi sta lavorando per questo. Ogni focolaio di violenza deve essere immediatamente spento», ha aggiunto il primo cittadino che assieme al vicesindaco ieri hanno telefonato a Predieri per esprimere solidarietà. Il suo è stato uno dei tanti messaggi. Tra gli altri anche Marcella Zappaterra, capogruppo Pd in Regione: «Inquietante che qualche vigliacco minacci chi garantisce il diritto all’informazione». Solidarietà a Predieri anche da Alessandro Talmelli, segretario comunale del Pd: «Ogni atto di minaccia è intollerabile e va fermamente denunciato». «Importante non abbassare la guardia contro atti di odio e violenza anche verbale», sostiene Italia Viva Ferrara esprimendo vicinanza al collega e alla redazione. Il gruppo La sinistra per Ferrara, attraverso Kiwan Kiwan, parla di «minacce meschine». «Noi sosteniamo la libera stampa». —
<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVATA