Un positivo al virus tra il personale S.Anna

L’ospedale a fine maggio aveva azzerato i contagi: partito il tracciamento. Nessuna vittima nel Ferrarese, frenano i ricoveri

C’è un altro caso di positività tra gli operatori sanitari delle aziende ferraresi. Al contagio rilevato alcuni giorni fa tra i dipendenti Asl, si aggiunge ora un caso relativo a un addetto dell’ospedale Sant’Anna di Cona, che dal 25 maggio non registrava contagi tra il personale. Il caso, fa sapere la stessa azienda ospedaliero-universitaria, non è peraltro emerso nel corso dell’attività di screening, ma attraverso un accertamento privato.

L’operatore è stato subito messo in isolamento e il Sant’Anna ha avviato le previste procedure di tracciamento, come da protocollo.


Intanto l’andamento dell’epidemia continua a rallentare. Il bollettino diramato ieri presenta pochissime variazioni rispetto alla giornata precedente: solo un nuovo positivo (ma i tamponi refertati sono stati appena 19): si tratta di un paziente di Ferrara sintomatico, mentre non si contano vittime né ulteriori ricoveri a Cona. Il numero dei degenti al Sant’Anna è però salito da dieci a dodici per la presenza di due casi sospetti in corso di accertamento, mentre resta invariato il numero dei ricoverati in Terapia Intensiva (2) e negli altri ospedali Covid (cinque al Delta e cinque al Cento). Ci sono invece 10 guarigioni, che tornano a far abbassare il numero dei casi attualmente attivi. Venticinque persone infine sono uscite dalla quarantena, mentre dieci hanno concluso la sorveglianza.

La campagna vaccinale ha raggiunto le 297.303 somministrazioni, di cui 190.139 prime dosi e 107.164 richiami.

Green pass a 2 velocità

Continuano intanto ad arrivare gli sms del ministero della Salute per poter scaricare la certificazione verde, il documento che, anche con una sola dose di vaccino, consente di viaggiare in Europa. Ma mentre alcuni utenti, sia attraverso il link indicato sia tramite app, sono riusciti a ottenerlo, altri continuano a trovare la strada sbarrata, anche a fronte di successivi invii, perché il certificato verde al termine della procedura risulta sempre “in via di generazione”.

In Emilia Romagna

In regione sono stati individuati 81 nuovi contagiati su 8.261 tamponi e la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi è dunque dell’1 per cento. Due i decessi: uno a Reggio Emilia e uno a Modena. La situazione dei contagi nelle province, oltre a Ferrara, vede Parma con 31 nuovi casi e Modena con 15 casi, segue Forlì (10), Reggio Emilia e Bologna (entrambe con 7 casi); poi Ravenna (4), Rimini (3), Cesena (2). Quindi Piacenza con un caso, e infine il Circondario Imolese, dove non si sono registrati nuovi casi.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 37 (-1 rispetto a giorno precedente), 223 quelli negli altri reparti Covid (stabili ).I casi attivi, cioè i malati effettivi, attualmente sono 5.246 (-344 rispetto alle ventiquattro ore precedenti).

Continuano ad avanzare invece le guarigioni: in tutta l’Emilia Romagna se ne sono aggiunte altre 423, per un totale di 367.852.

Sul fronte della campagna vaccinale, infine, in regione finora sono state somministrate quasi tre milioni e mezzo di dosi in tutto, mentre ha già abbondantemente superato il milione (1.250.601) il numero di persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA