Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, bimbo morto: accertamenti sul cellulare della madre

Lunedì sarà effettuata la copia del materiale contenuto nello smartphone. Nominato il perito di parte, la prossima settimana via libera ai funerali

FERRARA. Si svolgerà lunedì la copia del cellulare della mamma del bimbo di un anno trovato morto nel lettino di casa, che serve a valutare se tra le telefonate e le chat possano emergere elementi utili a capire cos’è successo la notte del 16 giugno.

La polizia giudiziaria incaricata dal pm Lisa Busato svolgerà l’operazione alla presenza dei legali delle persone direttamente interessate, cioè la 29enne e il papà del bimbo: si tratta formalmente di un accertamento tecnico irripetibile perché nel trasporre i dati su di un supporto fisso è teoricamente possibile che vada perso qualcosa. Si tratta di un ulteriore accertamento tecnico che segue all’esame autoptico svolto la settimana scorsa e gli esami tossicologici i cui risultati il perito nominato dal pm si è riservato di produrre, come primo termine, subito dopo Ferragosto.

Il perito nominato dalla madre ha a sua volta potuto prendere atto di questi passaggi, subito dopo la sua nomina avvenuta nei giorni scorsi, e questo consentirà all’autorità giudiziaria di dare il via libera ai funerali del bimbo, che si svolgeranno la prossima settimana. L’estremo riserbo che è stato deciso su questa vicenda da parte della Procura, anzitutto per tutelare gli altri due figli della 29enne che sono affidati temporaneamente alla nonna materna e che nei prossimi giorni cominceranno ad essere guidati con l’aiuto di uno psicologo al racconto di quanto successo al loro fratellino, stanno tenendo sullo sfondo eventuali ipotesi di reato che sottendono a questi atti tecnici.


L’autopsia aveva chiarito che non c’erano tracce di violenza sul corpicino del bambino, dopo che la madre aveva accolto i carabinieri da lei stessa chiamati dicendo “l’ho ucciso io”, salvo cambiare subito versione affermando di non sapere come il bimbo fosse morto. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA