Contenuto riservato agli abbonati

Campi di grano in fiamme Incendi tra Argenta e Copparo

Roghi a Bando, Filo, Ponte Bastia. Boccaleone, Marmorta, Zenzalino e Jolanda Vigili del fuoco al lavoro per ore, decine di ettari in fumo, danni per migliaia di euro

ARGENTA. Raffica di incendi ieri in tutto il territorio Argentano e anche nel Copparese, con super lavoro per i vigili del fuoco di tutta la provincia.

Nell’Argentano attorno a mezzogiorno, probabilmente a causa sia della distrazione di qualche automobilista di passaggio sia dal libeccio, si sono sviluppati ben quattro roghi, più un quinto nei pressi di Marmorta, nel Bolognese. Incendi che hanno devastato appezzamenti coltivati a grano. Il primo ha intaccato diversi ettari di proprietà di Paolini, in località La Fiorana di Bando. Il secondo a Filo di Argenta e il terzo in località Ponte Bastia, vicino a San Biagio. Il quarto, il più potente, è capitato in via Gresolo, tra Argenta e Boccaleone, nella tenuta di proprietà di Franco Manca: 30 ettari di grano, per un danno di circa 60mila euro. «Stavo lavorando – racconta un testimone – quando, guardando in lontananza verso la statale 16, ho visto fumo e allora ho subito chiamato il proprietario per avvisare i pompieri».

Le raffiche di vento, in un battibaleno, hanno aperto un fronte d’incendio di circa 200 metri e un dipendente dell’azienda, per tentare di salvare il salvabile, alla guida di un trattore ha trainato un frangizolle tra il fronte del fuoco che avanzava e il grano. Il fumo ha generato problemi di visibilità sia sulla via Gresolo, con l’intervento di due pattuglie della polizia locale, sia ad un passaggio a livello presidiato in via precauzionale dalla polizia ferroviaria. Danni anche nel Copparese dove nel pomeriggio sono divampati altri due grossi incendi, che hanno attecchito nei campi di grano ancora da battere: a Zenzalino 20 ettari in fumo in via S. Giovanni. Sono intervenute le squadre dei vigili del fuoco, e così pure a Jolanda, sulla strada reale, con il vento a complicare le operazioni. —

G.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA