Ferrara. Pestato a sangue da tre uomini incappucciati

Le tracce del pestaggio sul luogo dell'aggressione

L'aggressione in zona Gad. I responsabili individuati e denunciati per lesioni gravi dalla Polizia locale

FERRARA. Aggredito davanti a casa da tre uomini incappucciati che sono stati poi individuati dalla Polizia locale e denunciati per lesioni gravi in concorso. E' successo nelle prime ore di giovedì 1 luglio. La vittima è un giovane rumeno di 29 anni, a Ferrara da tre anni, che vive con la fidanzata in zona Gad. La mattina di giovedì scorso, come ha riferito agli inquirenti, tre uomini incappucciati lo hanno picchiato con calci e pugni, lasciandolo a terra stordito e sanguinante, con il naso fratturato e una lacerazione al labbro, e poi sono scappati. Testimone dell'aggressione, la fidanzata della vittima, messa in allarme dalle grida, e un ragazzo di colore che in quel momento passava in monopattino.

Entrambi hanno fornito alla pattuglia della Polizia locale Terre Estensi intervenuta sul posto particolari decisivi che hanno permesso in pochi minuti di individuare i responsabili del pestaggio, fuggiti in piazzetta San Nicolò. Con l'aiuto di un equipaggio Radiomobile dei Carabinieri, i tre sono stati accompagnati nella caserma dei carabinieri di via Del Campo, dove sono stati identificato due fratelli di anni 27 e 23 anni entrambi rumeni. Le generalità del terzo aggressore sono state fornite dalla vittima, che lo aveva riconosciuto: si tratta di un connazionale 35enne, già noto agli agenti della Polizia Locale. Tutti e tre dovranno ora rispondere del reato di lesioni gravi, in concorso tra loro. Sono in corso accertamenti e verifiche da parte della Polizia locale per chiarire i motivi del pestaggio, che appare come una vera e propria azione punitiva.