Contenuto riservato agli abbonati

Vandali scatenati nella notte, imbrattati i segnali stradali

Scritte indecifrabili lasciate su decine di cartelli, cestini e campane per il vetro. Colpito il restrospiaggia vicino al Blue Moon. L’assessore: «Quanta inciviltà» 

LIDO ESTENSI. Segnaletica dei parcheggi a pagamento presa di mira dai vandali, al Lido degli Estensi. Amara scoperta, ieri all’alba, per i turisti che si concedono una salutare passeggiata in spiaggia al sorgere del sole. Decine tra segnali stradali, cestini e campane per la raccolta del vetro sono stati rinvenuti con scritte indecifrabili, tratteggiate con l’impiego di bombolette spray.

I vandali, ancora una volta, hanno colpito con il favore del buio, deturpando segnali stradali, tra questi anche quelli turistici di colore marrone, rendendoli tutti illeggibili. In particolare, l’area che è stata presa a bersaglio dalla scorribanda notturna di incivili è quella del retrospiaggia del Lido Estensi, nelle vicinanze del bagno Blue Moon.


La segnalazione

Ieri mattina la segnalazione è rimbalzata tra le scrivanie del comandante della polizia locale di Comacchio, Paolo Claps e dell’assessore al decoro urbano della giunta lagunare, Luca Bergonzi, il quale a sua volta ha immediatamente interessato della spiacevolissima vicenda la cooperativa sociale Work and Services, concessionaria del servizio dei parcheggi a pagamento.

Netta condanna

«Per questo, come per altri episodi analoghi o similari che ledono l’immagine e il decoro del nostro territorio – dichiara l’assessore Luca Bergonzi –, non posso far altro che esprimere una netta condanna verso questo genere di inciviltà già condannato dalla cittadinanza. Mi chiedo pertanto che divertimento ci sia o si possa provare nel compiere tali gesti – incalza l’assessore al decoro urbano, membro della amministrazione municipale guidata dal sindaco Pierluigi Negri –. Rispettare il territorio dove si soggiorna o si risiede, è doveroso e quanto mai necessario».

Ora spetterà, purtroppo, al gestore che ha subito gli atti vandalici porre rimedio al danno provvedendo, come assicurato dallo stesso assessore comunale, al loro ripristino e, in taluni casi visti i danni inferti dai vandali, alla loro sostituzione.

Le telecamere

Va aggiunto un particolare che si spera possa influire su chi avesse intenzione di andare al di là del consentito: le notti brave di giovani probabilmente in preda ai vapori dell’alcol d’ora in poi saranno monitorate anche dall’occhio vigile delle telecamere di videosorveglianza e dalle nuove foto-trappole in dotazione alla polizia locale, acquistate per scovare chi abbandona impunemente rifiuti in strada.

«Come assessore al decoro pubblico, nell’interesse e per il decoro cittadino – conclude l’assessore Bergonzi – auspico che atti di questo genere non abbiano più a ripetersi». —

Katia Romagnoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA