Vede i carabinieri e ingoia 6 ovuli con dentro cocaina

Arrestato un uomo di 31anni, portato prima in ospedale

I carabinieri  di Ferrara, nell’ambito di un’operazione di contrasto allo spaccio e al traffico di stupefacenti, condotta  nel centro città, hanno fermato  un cittadino nigeriano che si aggirava in zona Gad con fare sospetto. Lo straniero, quando ha visto o militari,   si è diretto verso via Ortigara ma è stato fermato e a quel punto ha tirato fuori  degli involucri dalla tasca e li ha ingoiati, sperando così di nascondere la merce.

I militari, dopo averlo bloccato ed identificato (si tratta di un 31enne residente in provincia, già noto agli uffici di polizia per fatti simili),  lo hanno portato in  ospedale a Cona per effettuare delle radiografie all’addome, che hanno evidenziato la presenza nell’intestino di 6 ovuli. L’uomo è stato quindi tenuto i ospedale piantonato sino all’espulsione degli ovuli, nei quali c'erano due grammi e mezzo di cocaina. Il nigeriano è stato  pertanto arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e trattenuto nelle camere di sicurezza del Comando provinciale dei carabinieri di Ferrara.

I fatti risalgono a martedì e questa mattina  è stato  al giudice monocratico del Tribunale estense che, oltre a convalidare l’arresto, lo ha giudicato responsabile del reato commesso e, con rito, abbreviato condannato alla pena di 2 anni di reclusione e 2mila euro di multa, oltre al pagamento delle spese processuali. Il nigeriano doveva rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, aggravato dalla recidiva specifica. Il giudice non ha concesso al condannato la sospensione condizionale della pena, per cui al passaggio in giudicato della sentenza, il 31enne verrà associato alla casa circondariale.

I servizi antidroga della Compagnia Carabinieri di Ferrara, che hanno portato a due arresti in due giorni, proseguiranno anche nel periodo estivo, sia sul Gad che nelle altre zone di spaccio del capoluogo.