Contagi Covid, l'incidenza del virus raddoppia nel Ferrarese

In una settimana nelal nostra provincia si è passati da 14 a 29 positivi su 100mila abitanti. I medici Usca sotto pressione, non i reparti ospedalieri. Ferrara ancora prima in regione per copertura vaccinale,  71,9% prime dosi, 52.4% per le seconde.

FERRARA. È in aumento l’ incidenza del Covid nel Ferrarese: in Regione l’incidenza, ha fatto presente ieri in Conferenza sanitaria territoriale Emanuele Ciotti (Asl), è arrivata a 29,2 casi per centomila (mentre era 14 una settimana fa); l’Rt regionale è poi attualmente 1,36. A livello provinciale l’incidenza è al 24,22 (ma fino a due giorni fa 14,99). L’ultima settimana si sono registrati 93 casi positivi, di cui uno in un asilo nido. Altro dato, il tasso di positività rispetto ai tamponi fatti: mentre precedentemente, negli ultimi mesi, la percentuale di positivi rispetto ai tamponi effettuati era dell’1,2% negli ultimi giorni si sono registrate anche punte di 7%. Attualmente ci sono sette casi di variante Delta per la provincia di Ferrara. È in aumento l’attività delle Usca, nell’ultima settimana quasi 100 interventi in una settimana.


Come provincia Ferrara è ancora prima in regione con una copertura vaccinale del 71,9% come prime dosi (in regione 66,6%) e per le seconde primi a pari merito con Piacenza 52,4% (50, 1% in regione). La campagna vaccinale deve ancora essere intensificata per quanto riguarda gli 11mila ultra 60enni che ancora devono fare la vaccinazione, e la fascia di popolazione fra i 12 e 19 anni, attualmente la percentuale di vaccinati è in questo caso sotto il 30%. È all’81% la copertura della popolazione scolastica.


All’ospedale di Cona si è attualmente ad una situazione di disponibilità di posto letto di scenario 1 ridotto con, su una disponibilità di 30 posti, 6 ricoveri ieri, di cui solo uno ricoverato da 47 giorni, e uno in Terapia intensiva. L’accesso al Pronto soccorso per Covid è del 0,6% a luglio (giugno 0,7%). Rimane, fa presente la direzione sanitaria di Cona, la pressione dell’ospedale su casi non Covid, per il riacutizzarsi di patologie croniche.
Continua lo screening del personale sanitario, al momento zero casi. C’è anche stata la riapertura alle visite ma c’è stretto controllo per evitare assembramenti.


i bollettini
Ieri intanto c’è stato il nuovo record di casi da oltre due mesi a questa parte, 36, ed è tornato in “rosso” il territorio Lagosanto, visto che tre dei tamponi positivi sono proprio di residenti di quel comune. Preoccupano i 15 casi di Arggenta (con 14 tamponi negativi), 6 sono di Ferrara e 5 da fuori provincia. Altre 113 persone sono in isolamento domiciliare., 35 delle quali nell’Argentano.
Ci sono state tre dimissioni da Cona, tra le quali un bimbo di due anni residente a Terre del Reno, a fronte di due nuovi ricoveri.
A livello regionale l’incremento dei casi è esponenziale, visto che ieri siamo arrivati a +447con il record sempre saldamente a Rimini (101 nuovi casi). Tornano a registrarsi decessi: due e giovani, visto che a Modena è morto un uomo di 49 anni e a Bologna una donna di 54. Continuano per fortuna a calare i ricoveri sia Covid ordinari che gravi. —