Contenuto riservato agli abbonati

Effetto Draghi sulle richieste di vaccino

Prenotazioni su col certificato verde. Aumento in regione, a Ferrara più moderato. Nuova ondata di positivi: 108 in quarantena

FERRARA. Effetto Draghi sulle prenotazioni. La conferenza stampa di giovedì sera, durante la quale il presidente del Consiglio ha indicato data e modalità dell’introduzione del Certificato verde per l’accesso a servizi e attività (dall’accesso ai musei alle mostre, alla presenza a eventi sportivi fino alla consumazione nei bar e ristoranti al chiuso) ha avuto un impatto rilevabile anche in Emilia Romagna. «Abbiamo notato un aumento delle richieste», ha commentato il coordinatore della cabina di regia ferrarese per l’emergenza Coronavirus, Emanuele Ciotti. E a confermare la tendenza è stata la Regione.
Da lunedì a ieri, sono state 77.944 le prenotazioni per somministrazione dei sieri anti-Covid: di queste in particolare, scrive la Regione, 14.499 sono arrivate dalla fascia di età 12-19 e 4.745 dai 60-69enni, due categorie per cui le Asl hanno lanciato o stanno per lanciare iniziative ad hoc, come la vaccinazione sui camper nei mercati o in spiaggia.
A rendere evidente l’effetto Green Pass, un dato che arriva dall’Asl Romagna: nelle prime ore di venerdì 16 luglio le prenotazioni erano state circa 1.600 mentre da mezzanotte alle 3 di ieri, il numero è più che triplicato, arrivando a 5.057. A Modena e provincia le prenotazioni nel periodo dal 12 al 15 luglio erano state 5. 656 mentre negli stessi giorni della settimana successiva, quindi dal 19 al 22, sono arrivate 9.608 richieste: un aumento del 69,9 per cento. Ferrara ha mostrato una risposta meno evidente di altre province, ma significativa, con 3.746 appuntamenti. «Sicuramente ha influito la notizia del Green Pass e delle limitazioni che saranno imposte a chi non lo ha a disposizione – afferma l’assessore alle Politiche per la Salute, Raffaele Donini – ma io voglio credere ci sia stata anche una risposta di responsabilità da parte di tanti cittadini che in questi ultimi giorni hanno visto purtroppo aumentare i contagi. E non bisogna sottovalutare le campagne di sensibilizzazione delle Asl».

La curva dei contagi
Ieri, intanto, è stata un’altra giornata con un numero di contagi rilevante: 25, che si sommano ai 36 del giorno precedente. In isolamento domiciliare sono entrate 108 persone. La curva sale da 2-3 settimane. Sedici i ricoverati al Sant’Anna, uno dei quali in terapia intensiva.
Disguido risolto
L’Asl risponde al caso del cittadino che si è presentato al Centro di vaccinazione di Codigoro l’altro ieri, trovandolo chiuso. «Il suo recapito era sbagliato - scrive l’Asl – ed era stato impossibile per gli operatori sanitari contattarlo nelle settimane precedenti» per comunicare la chiusura del servizio. La vaccinazione è stata effettuata ieri mattina. —
<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVATA