Ostellato, massacrata di botte dal convivente

Una vicina ha chiamato i carabinieri. La vittima ne avrà per 35 giorni, l'aggressore in manette

OSTELLATO. Massacrata di botte dal convivente, che l'ha fatta finire all'ospedale con traumi e lesioni giudicate guaribili in 35 giorni. Un gravissimo episodio di violenza sulle donne avvenuto ieri sera (sabato 24 luglio) a Ostellato. A chiamare i carabinieri, una vicina di casa della vittima, allarmata dalle urla e dalle richieste di aiuto provenienti dall'abitazione. Sul posto sono state immediatamente inviate le pattuglie del Nucleo Operativo e Radiomobile di Portomaggiore e della Stazione di Ostellato. I militari hanno trovato la donna, una 45enne di Ostellato, sanguinante e con evidenti lesioni sul viso e sul corpo, e hanno richiesto l'intervento del 118. La donna è stata così portata all'ospedale di Cona. E' dunque emerso che la vittima era stata poco prima aggredita dal convivente, come già successo altre volte in passato, ed era stata colpita al corpo e sul capo, riportando lesioni personali giudicate guaribili in oltre un mese. Le pattuglie si sono messe subito alla ricerca dell’aggressore, rintracciato poco distante, mentre si stava allontanando a piedi. L’uomo, un ferrarese di 38 anni, già noto agli uffici di polizia per fatti analoghi, è stato arrestato e trasferito al carcere di Ferrara, dove rimarrà a disposizione della Autorità Giudiziaria.