Contenuto riservato agli abbonati

Muore a quattro giorni dall'incidente

Il 40enne di Codigoro con la sua moto si era scontrato con un 'auto di un istituto di vigilanza all'altezza di Marozzo 

Scontro a Marozzo, motociclista portato al Bufalini in eliambulanza

FERRARA. Marco Fogli, 40 anni di Codigoro, non ce l’ha fatta. I medici dell’ospedale Bufalini di Cesena ieri mattina hanno dichiarato il decesso. L’uomo era stato ricoverato nel reparto di rianimazione dopo un tremendo incidente il 25 luglio scorso, all’altezza del centro operativo del Consorzio di Bonifica di Marozzo. Fogli si trovava in sella alla sua moto quando si è scontrato con un’auto e le sue condizioni sono apparse subito disperate. Orfano di padre, lascia la mamma Vallì e i fratelli Stefania e Stefano e la fidanzata da cui stava andando il giorno dell’incidente.

Marco Fogli faceva il corriere ed aveva due grandi passioni: le moto e il carpfishing. Per lui pescare era un modo per isolarsi dal mondo, per ritrovare le energie e restare con i piedi per terra. gli amici Chi lo ha conosciuto bene lo definisce un sognatore, un’anima buona e fragile che ha tante volte protetto gli altri e che ha sofferto per situazioni più grandi di lui. «Un amico leale e sincero – raccontano i “colleghi” del carpfishing, di quelli rari e preziosi». La famiglia Fogli è molto conosciuta a Codigoro, soprattutto perché la sorella Stefania gestisce una palestra e scuola di danza. «Quando una persona così giovane perde la vita viviamo tutti un senso di profonda ingiustizia», ha commentato la sindaca Alice Zanardi. Le condizioni del 40enne sono apparse subito disperate agli occhi dei medici arrivati sul posto. L’uomo è stato messo subito in coma farmacologico e tenuto sotto osservazione costante finché non è stata dichiarata la morte cerebrale e ieri mattina il decesso. La notizia della sua morte è arrivata comunque come un fulmine a ciel sereno, per quanto già mercoledì sera in paese tanti sapevano che non ci sarebbe stato più nulla da fare. Domenica Fogli, il sella alla sua moto e diretto da Codigoro verso Comacchio, doveva raggiungere la fidanzata ai Lidi, per riaccompagnarla a casa, dopo il turno di lavoro. l’incidente Dalla direzione opposta di marcia, ossia da sud verso nord, stava sopraggiungendo una Ford Fiesta dell’istituto di vigilanza Coop Service, guidata da un dipendente della stessa cooperativa, un uomo di 33 anni, che doveva recarsi per un controllo di routine all’interno dell’impianto di proprietà del Consorzio di Bonifica. Saranno le indagini del carabinieri della stazione di Codigoro, intervenuti per compiere i rilievi stradali e per regolare manualmente il traffico, durante le operazioni di soccorso, a stabilire l’esatta dinamica dell’incidente. Ad allertare immediatamente i soccorsi è stato proprio il conducente dell’auto e sul posto sono intervenute dapprima l’ambulanza del vicino ospedale del Delta, i carabinieri di Codigoro e una squadra di vigili del fuoco del distaccamento di Codigoro.