Altri 50 positivi, muore ospite di una Cra

Nuova crescita dei ricoveri (+6) ma il flusso dei contagi inizia a rallentare. Al S. Anna due posti in più in Terapia intensiva

Torna ad allungarsi l’elenco delle morti connesse al Covid. Nella Quisisana di Ferrara sabato è deceduta una signora di 96 anni di Fiscaglia, ospite della Casa di riposo Villa geras, di Fiscaglia, portando a 899 il numero delle vittime nel Ferrarese dall’inizio della pandemia. Ma il virus fa sentire i suoi effetti anche nell’andamento dei contagi e dei ricoveri. I primi mantengono un ritmo costante di una cinquantina al giorno, i secondi sono in progressivo aumento al punto da rendere necessari sempre nuovi potenziamenti di posti letto.

Nella settimana appena conclusa il flusso dei contagi ha continuato a crescere ma moderatamente, con un rallentamento vistoso rispetto alle settimane scorse. I nuovi positivi, nei bollettini della settimana scorsa, sono saliti da 332 a 347, i ricoveri si sono pressoché stabilizzati (28 anziché i 29 dei sette giorni precedenti), ai quali aggiungere 1 decesso mentre nelle settimane precedenti compariva il dato zero.


Se questo dato sarà confermato nella settimana di ferragosto potrebbe significare che la curva ha già raggiunto il suo picco (legato probabilmente a fattori contingenti come i festeggiamenti per gli europei) iniziando una più o meno lenta verso settembre, quando è prevista la riapertura delle scuole.

Se proseguirà la salita probabilmente aumenteranno, anche se con un tasso che oggi appare più lento rispetto ai mesi scorsi anche ricoveri e, poi, i decessi. Al momento questa crescita “secondaria” non sembra prefigurare un flusso ingente di ingressi in ospedale e probabilmente è l’effetto della vaccinazione di massa che in provincia ha già raggiunto con entrambe le dosi quasi 200mila residenti. All’ospedale di Cona, intanto, a causa dell’aumento dei ricoveri in Terapia intensiva sono stati aggiunti altri due letti ai quattro già occupati, e al momento ci sono cinque degenti su sei posti disponibili.

I bollettini

Il bollettino registra altri sei ricoveri, di cui uno proprio in Terapia Intensiva: si tratta di un paziente trasferito da un reparto Covid a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni. A Cona si contano in complesso 38 degenti su 42 posti, mentre al Delta sono ricoverati sette pazienti e restano tre letti liberi.

Salgono di 31 unità anche i casi attivi, che arrivano a 768: le nuove guarigioni sono 19, a fronte di 50 ulteriori contagi. I casi positivi sono stati rilevati su 200 tamponi refertati: 22 sono sintomatici e uno solo proviene da focolai. Quasi tutti i comuni del Ferrarese registrano nuovi casi di positività a accezione di Codigoro, Goro, Jolanda, Masi Torello, Riva del Po e Vigarano Mainarda.

Da segnalare anche un ulteriore contagio tra il personale dell’ospedale Sant’Anna: ora sono 5 i dipendenti con il Covid, mentre l’Asl resta ferma a quattro.

Altre 180 persone sono entrate in quarantena, sette in sorveglianza domiciliare e 102 sono uscite dall’isolamento.

La campagna vaccinale intanto ha toccato le 432.794 somministrazioni, di cui 2.290 effettuate nella giornata di domenica.

In Emilia Romagna si registra un unico decesso, quello ferrarese, mentre i nuovi casi positivi sono 642 su 13. 273 tamponi eseguiti. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 31 (+5 rispetto alla giornata precedente), 306 quelli negli altri reparti Covid (+16).

© RIPRODUZIONE RISERVATA