Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, bivacchi al Grattacielo. All’ultimo piano affittavano pianerottoli

Scoperti tre stranieri irregolari che lì dormivano la notte. Nei guai l’inquilino che vendeva posti letto e “piazzole” 

FERRARA. C’era un continuo via vai, la sera, che non poteva passare inosservato: verso l’ultimo piano della Torre A, il 19° piano, dove un inquilino (straniero regolare) dell’appartamento oltre a subaffittare posti letto in casa sua offriva a pagamento anche ulteriori posti letto sul pianerottolo di quel piano davanti il suo ingrsso, bivacchi per la notte dove stranieri irregolari, di fatto, vivevano. Tre i cittadini stranieri scoperti nel blitz della Polizia alla Torre A del Grattacielo, e nei guai è finito l’inquilino per questi subaffitti - irregolari - aggravati dal fatto che i suoi subaffittuari momentanei sono clandestini e non in regola coi permessi.

DENTRO LE TORRI


Succede anche questo nelle torri dell’edificio più controllato della città, e proprio da questi controlli della Polizia, intensificati dal questore, emergono ogni giorno situazione di assoluta irregolarità e insicurezza. Ieri mattina agenti delle Volanti e della Squadra Mobile hanno fatato scattare questi controlli, amministrativi, in una decina di appartamenti delle torri A e B del “Grattacielo”. Una attività che punta a verificare illeciti amministrativi e penali, per la questura, per tutelare la sicurezza dei cittadini che abitano nelle torri, italiaani e stranieri regolari. Controlli che servono per verifcare omissioni di registrazione dei contratti di affitto all’Agenzia delle Entrate oppure sull’obbligo di comunicazione alla questura di chi è è ospitato. Due gli appartamenti finiti nel mirino, controllati da settimane dopo la segnalazione di altri condomini: perchè diventati il ritrovo extracomunitari pregiudicarti e clandestini Soprattutto l’appartamento dell’ultimo piano, dicevamo, dove sono stati scoperti i tre extracomunitari irregolari ai quali erano stati subaffittati posti letto e il bivacco sul pianerottolo dell’ultimo piano della Torre A. Alla fine, guai per tutti. Perchè è reato dare alloggio o cedere, anche in locazione, un immobile ad uno straniero irregolare privo di titolo di soggiorno e la pena prevista va da sei mesi a tre anni.

GUAI PER CHI NON SEGNALA

E sono anche guai, penali e anche amministrativi, per chi dà alloggio od ospita uno straniero, anche se parente, e non dà comunicazione entro quarantotto ore (dall’arrivo dell’ospite), alla questura. È un modo per controllare chi è presente in una casa, ed è per questo che vige l’obbligo di dare generalità, estremi documenti, ubicazione immobile: difficile pensare che si faccia denuncia alla questura del pianerottolo della Torre A, come locale affittato per una notte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA