Contenuto riservato agli abbonati

Bimba morta dopo la caduta, gli atti portati in procura

Ora l’incarico ai periti per svolgere l’autopsia

FERRARA. Gli accertamenti sono stati completati, gli atti sono stati depositati ieri mattina in procura a disposizione del pm Fabrizio Valloni, ma quella della piccola Iman mantiene tutti i contorni di un’enorme disgrazia familiare.

Nei prossimi giorni sarà effettuata l’autopsia per stabilire le cause della morte della bambina, in particolare il consulente incaricato dalla procura dovrà stabilire se c’è, come appare molto verosimile fin da ora, una correlazione tra la caduta dalla bicicletta e il decesso della piccola.


La ricostruzione fornita dai familiari della giovanissima vittima hanno comunque trovato pieno riscontro negli elementi raccolti dalla squadra mobile e nei tempi che hanno scandito la tragedia. Nel tardo pomeriggio di martedì Iman e il fratellino erano stato accompagnati dal papà all’ex Acquedotto per avere un po’ di svago all’aria aperta. I due bambini stavano percorrendo con le biciclette l’anello di piazza XXIV Maggio quando Iman ha perso l’equilibrio ed è caduta dalla bicicletta. Un tipo di incidente quasi banale, che moltissimi di noi hanno vissuto nell’infanzia e non solo.

Il papà è stato richiamato dal pianto della figlia ed è accorso a consolarla. Sembrava solo un capitombolo, e niente di più. Subito dopo Iman aveva già asciugato le lacrime e l’episodio sembrava archiviato. A casa la bimba ha cenato ed è andata a letto. Durante la notte si è sentita male, nausea e vomito, ma sembravano solo sintomi di un’indigestione. Il mattino dopo la situazione purtroppo è precipitata, e sono stati chiamati i soccorsi, ma per la Iman non c’era ormai più nulla da fare.

I successivi accertamenti sono un atto dovuto, per ricostruire con esattezza i fatti e le cause del decesso. Il primo esame esterno del corpo effettuato dal medico legale non ha comunque rilevato alcun segnale, come lividi, gonfiori o perdite di sangue, che avrebbe potuto far accendere una spia di allarme e indurre a chiedere subito l’intervento del 118.

© RIPRODUZIONE RISERVATA