Contenuto riservato agli abbonati

Massa Fiscaglia, un appello da mamma e nonna: «Cerco dei ricordi di figlia»

In un anno e mezzo ha perso Catia e il nipote: «Vorrei tanto conoscere chi ballava con lei» 

MASSA FISCAGLIA. Una mamma e una nonna che ha perso i suoi affetti più cari e oggi cerca solo un modo per tenere sempre vivo il loro ricordo. Vilma Succi Cimentini ha 82 anni e vive da sempre a Massa Fiscaglia, nel giro di un anno e mezzo ha perso i due riferimenti della sua vita, la figlia Catia il 15 agosto 2017 a 52 anni e l’amato nipote Federico Travasoni (figlio di Catia), il campione di canoa deceduto nel dicembre 2018, ad appena 23 anni sempre per malattia.

Impossibile dimenticare queste due figure e così nonna Vilma lo scorso 3 marzo, nel giorno del suo 82º compleanno, ha lanciato in cielo un palloncino con i colori dell’Inter (la squadra del cuore di Federico), oltre a fare in modo che il parco del monumento dei Caduti di Massa resti sempre in buon’ordine.


Ma oggi corre il quarto anniversario della morte della figlia Catia, grande appassionato di tango, e Vilma ha un desiderio: «Vorrei parlare con qualcuno che ha ballato negli anni con Catia, le sue amiche. Ovviamente lei aveva la sua vita, non so in quale scuola avesse preso lezioni o in quali locali ballasse, l’ho vista solo una volta con le sue magnifiche scarpe a tirare il gruppo di ballerini in centro a Ferrara».

All’anziana massese, insomma, mancano ricordi di quell’aspetto della vita della figlia: «So che amava il tango, ma non conosco nessuno che frequentasse con lei quell’ambiente. Ho provato a chiedere a qualche amica del paese, ma nessuno riesce ad aiutarmi». E così l’82enne si è rivolta alla Nuova Ferrara per un appello: «Chi conosceva Catia, chi ha ballato con lei si faccia avanti. Vorrei solo avere qualche ricordo in più. Fra l’altro, ho un sacco di abiti per il tango di mia figlia, sono tante cose, che non posso più tenere nella mia abitazione piena di oggetti dei miei cari che non ci sono più. Mi piacerebbe lasciare questi abiti e questi oggetti ancora nuovi a chi li potrà indossare ancora sulla pista da ballo».

Davide Bonesi

© RIPRODUZIONE RISERVATA