Sabbioncello S. Vittore, un attracco sul Po di Volano per conoscere Villa Mensa

La storica dimora al centro del grande progetto che prevede diversi percorsi. Il complesso monumentale diventa così una esperienza turistica a tutto tondo

SABBIONCELLO SAN VITTORE. Per Villa Mensa è stata definita la progettazione di un approdo, di un percorso ciclabile e uno pedonale. La restituzione di Villa La Mensa è stata accolta con grande entusiasmo e altrettanta attenzione. Si guarda dunque al complesso monumentale come al centro di una esperienza turistica a tutto tondo.

In tale direzione è stato elaborato il progetto definitivo che propone la realizzazione di un nuovo attracco fluviale, di un percorso ciclabile affiancato alla Sp 20, tra Sabbioncello San Vittore e via Magnanina, per poi proseguire fino al sito turistico e al nuovo attracco in progetto, e di un percorso pedonale tra la darsena di Sabbioncello San Vittore e la nuova pista ciclabile. La progettazione si inserisce nell’ambito di Metropoli di Paesaggio, una visione strategica che parte dal presupposto di utilizzare il paesaggio come infrastruttura: le prime fermate, che si pongono l’obiettivo dell’attivazione delle ricchezze storico-culturali e ambientali quale collante tra Ferrara e il sistema del Delta.


Si vuole dunque ampliare la fruibilità dei luoghi attraverso un sistema intermodale terra-acqua. Il nuovo approdo, a servizio delle imbarcazioni turistiche che, transitando lungo il Po di Volano, intendono sostare presso Villa La Mensa, verrà realizzato sulla terminazione del percorso già esistente che attraversando l’area boscata connette il fiume e La Mensa.

IL PONTILE

L’area si comporrà di due parti: una piazzola attrezzata con sedute e un pontile galleggiante parallelo alla sponda, collegato ad essa tramite una passerella ancorata alla piazzola. La lunghezza sarà di circa 20 m e avrà una portata tale da consentire l’attracco di imbarcazioni turistiche fluviali e house boat. Il nuovo attracco consentirà di avvicinarsi alla Villa ripercorrendo idealmente l’accesso privilegiato all’epoca della sua destinazione a residenza nobiliare, ovvero attraverso il fiume, riscoprendo e riacquistando l’importanza delle vie d’acqua.

Si inserisce come nuova tappa nel sistema di attracchi dell’Idrovia Ferrarese (in ritardo), che congiunge Ferrara e Comacchio.

La realizzazione di una nuova pista ciclabile, tra il tracciato della Sp 20 e l’ansa del Po di Volano, fra l’abitato di Sabbioncello San Vittore e Villa La Mensa, si compone di tre tratti, sinergici con l’itinerario VenTo (collegamento Venezia Torino con passaggio del fiume Po a Ro Ferrarese) e con la Destra Po. Il primo tratto affiancato a via Torre, per meglio raccordare i percorsi ciclabili esistenti, sarà dotato di due attraversamenti ciclo-pedonali su via Torre e via di Mezzo, in corrispondenza dell’incrocio con via Cottarelli (ciclabile verso Copparo), e rimarrà sulla sede stradale, che verrà ampliata. Il secondo tratto, intermedio, si svilupperà su tutta l’ansa fluviale, in corrispondenza della scarpata arginale, tra la carreggiata e l’alveo fluviale, con la predisposizione di un’area di sosta panoramica.

ALTRA AREA SOSTA

Il terzo tratto, terminale, si aprirà con una seconda area di sosta, per l’osservazione del complesso monumentale nella sua interezza lungo il fronte: il percorso terminerà ricollegandosi a via Magnanina, dove prosegue la ciclabile verso Ostellato e si riconnette al percorso trasversale di congiunzione tra l’approdo e il parcheggio della Villa. Infine, il percorso pedonale che condurrà da un attracco all’altro: da Sabbioncello alla Mensa, valorizzando così anche la piccola e bella darsena già presente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA