Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, cantieri monumentali: come cambierà la città

Palazzo Diamanti sarà pronto tra un anno. Massari e Prosperi Sacrati nel 2024

FERRARA. Progetti ormai ultimati e altri che stanno per decollare. Il Comune di Ferrara è impegnato in una serie di interventi di riqualificazione del patrimonio monumentale della città. Investimenti di milioni di euro, provenienti dal Ministero sotto forma di progetto “Ducato Estense”, dalla Regione in quota anche ricostruzione post sisma e anche fondi messi a bilancio dallo stesso Comune nell’ambito del piano triennale delle opere pubbliche. Vediamo di fotografare quelli che sono i più grandi progetti in cantiere e che porteranno ad una riqualificazione del patrimonio monumentale della città di Ferrara.

Palazzo Diamanti


Finiti a luglio i tempi supplementari della mostra su Ligabue - più volte interrotta per covid e poi prorogata - è iniziato il cantiere per ricostruire il piano terra dell’ala Rossettiana di Palazzo Diamanti, che ora risulta in pratica sventata e inagibile per un anno. L’obiettivo è infatti terminare sia il lavoro di restauro dell’intero pian terreno dello storico edificio e di costruire una passerella di collegamento tra i corpi di fabbrica entro il mese di agosto 2022, per dare la possibilità di inaugurare l’edificio per la mostra tematica sulla “Follia” in programma a fine estate del prossimo anno.

Palazzo Massari

A fine settembre verrà assegnato l’appalto per i lavori di ristrutturazione, con l’iter burocratico già in fase avanzata si prospetta un inizio cantiere a inizio 2022. Considerato che necessitano un paio d’anni per la conclusione dell’opera, il 2024 a questo punto potrebbe essere l’anno buono per rivedere la riapertura dell’importante contenitore culturale devastato dal terremoto del 2012. Qui si tratta di un intervento complesso che prosegue l’opera di restauro già avviata subito dopo il sisma e che ha portato anche al rifacimento della facciata del palazzo e dell’annessa palazzina Cavalieri di Malta. Un progetto da oltre 10 milioni di euro, dove è prevista anche una riqualificazione del Pac (padiglione d’arte contemporanea), in grado di ospitare in futuro il museo Antonioni. C’è anche un mura da ristrutturare, quello danneggiato due anni fa dalla caduta di un albero dopo un fortunale al parco Massari e un muro da togliere, per fare un tutt’uno tra il cortile interno e il parco.

Palazzo Schifanoia

Ormai ultimato il recupero totale di Palazzo Schifanoia, che dura dal terremoto del 2012 e a ottobre verrà inaugurato il rinnovato percorso compresa l’ala trecentesca.

Palazzo Prosperi Sacrati

Anche a Palazzo Prosperi Sacrati, in corso Ercole d’Este i lavori di riqualificazione dovrebbero iniziare nel 2022, anche se con qualche mese di ritardo rispetto al cantiere del Massari. Sovrintendenza e e Regione stanno valutando attentamente il progetto esecutivo e una volta ottenuto il via libera è previsto il bando di assegnazione. Le previsione di inizio lavori dovrebbero essere quindi nella primavera del prossimo anno per un investimento di 5 milioni di euro.

Chiesa San Paolo

A novembre inizierà il cantiere da 3,8 milioni di euro per la complessa ristrutturazione del cantiere di San Paolo, dove il Comune figura come stazione appaltante. Un investimento coperto per 3 milioni dal Ministero con i famosi fondi del Ducato Estense e per 800mila dalla Regione come fondi per il sisma. Anche qui i lavori avranno la durata di due anni.

S. Maria Consolazione

In attesa della collocazione dell’altare ristrutturato la chiesa di via Mortara sarà inaugurata in autunno, probabilmente ad ottobre. La struttura di proprietà del Comune, che nei secoli ha visto una progressiva spogliazione di opere d’arte, ha visto un importante intervento di riqualificazione per 1 milione di euro.

Chiesa Madonnina

I lavori nella chiesa della Madonnina, anche questa di proprietà del Comune di Ferrara, sono terminati dopo più di due anni. Si sta procedendo ora alle pulizie dopo un intervento complessivo quantificato in circa 1 milione di euro. L’inaugurazione è prevista mese di novembre.

Palazzo Ducale

L’inizio d i lavori per la ristrutturazione soprattutto del lato nord e del giardino delle duchesse sono previsti ad ottobre dopo l’accordo avuto con le associazioni commerciali di categoria. Il trasloco degli uffici è già stato completato. Si tratta di un ulteriore intervento di risanamento della sede municipale con la possibilità anche di ristrutturare antiche stanze della dimora ducale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA